giovedì 27 dicembre 2012

Shalòm, Sono aperte le iscrizioni al Corso base low cost di lingua ebraica


Sono aperte le iscrizioni al Corso base low cost di lingua ebraica moderna “Shalòm” organizzato dalle Edizioni La Zisa. Il corso, destinato a un numero massimo di 10 partecipanti, sarà tenuto da un insegnante di madrelingua ebraica e partirà nel mese di febbraio del 2013. Strutturato in 10 incontri (uno a settimana), avrà un costo complessivo, e comprensivo di materiale didattico, di euro 120. Le lezioni si terranno ogni martedì, alle ore 18, presso i locali della casa editrice in via Lungarini 60, a Palermo. A richiesta, sarà rilasciato un attestato di frequenza. Le iscrizioni dovranno essere effettuate entro il 31 gennaio 2013 presso la segreteria della casa editrice sita in via Lungarini 60, a Palermo (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9,00 alle ore 13,00). Per iscrizioni e informazioni: Tel. +39 091 5509295 o scrivere a info@lazisa.it

Torna in libreria il best-seller "Il Maestro del Sonno Eterno" di Dario Piombino-Mascali


Torna in libreria il best-seller "Il Maestro del Sonno Eterno" di Dario Piombino-Mascali, pubblicato dalla casa editrice La Zisa.

Un viaggio appassionante sulle tracce dell'imbalsamatore Alfredo Salafia, di cui l'antropologo siciliano ripercorre le tappe che portarono lo studioso a concepire la sua celeberrima formula di imbalsamazione. Una storia affascinante, che lega la Palermo fin de siècle agli Stati Uniti, dove Salafia riceve la definitiva consacrazione, pur non avendo ricevuto una preparazione specifica.
Tra i libri più venduti nel 2010, ai primi posti in classifica per intere settimane, "Il Maestro del Sonno Eterno" riscopre, attraverso un attento lavoro di ricerca, personaggi e storie legate alla città e al culto dei morti, un patrimonio altrimenti perduto per sempre. Un saggio impreziosito dalle collaborazioni autorevoli di Arthur Aufderheide, fondatore della moderna mummiologia, e di Albert Zink, studioso delle mummie reali egiziane e della misteriosa mummia del Similaun.


Il libro: Dario Piombino-Mascali, “Il Maestro del Sonno Eterno”, Edizioni la Zisa, Presentazione di Arthur C. Aufderheide, Prefazione Albert R. Zink, pagine 128, euro 12,00 (ISBN: 978-88-95709-52-9)
3a edizione

Quali segreti custodisce Rosalia Lombardo, la 'Bella Addormentata' delle Catacombe di Palermo, ritenuta a ragione la più bella mummia del mondo? Quali alchimie hanno permesso la perfetta conservazione di una bambina di due anni, a quasi un secolo dalla sua morte? Chi ne è stato l'artefice? Tali interrogativi, rimasti per lunghissimo tempo irrisolti, trovano ora finalmente risposta in questo saggio dell'antropologo Dario Piombino-Mascali. Una ricostruzione appassionante della vicenda che lega la piccola Rosalia Lombardo ad Alfredo Salafia, imbalsamatore palermitano dai contorni finora velati dalla leggenda. Un viaggio avvincente, che l'autore compie prendendo per mano il lettore e conducendolo nel cuore di una storia mai rivelata prima, se non attraverso frammenti e contraddizioni.

Dario Piombino-Mascali, nato a Messina nel 1977, è ricercatore presso l'Accademia Europea (EURAC) di Bolzano, dove coordina il Progetto "Mummie Siciliane". Borsista della National Geographic Society, è stato recentemente insignito del titolo di membro onorario dall'American Society of Embalmers. Collabora attivamente con il Museo Archeologico dell'Alto Adige, i Musei Vaticani ed i Musei Reiss-Engelhorn per lo studio scientifico di mummie umane.

giovedì 20 dicembre 2012

Palazzo Adriano (Pa), Si presenta “La badante” di Giammario Gottuso


«La badante», il romanzo di Giammario Gottuso, verrà presentato venerdì 21 dicembre, alle ore 18.00, presso il Casale Borgia Resort in C.da Favara di Borgia a Palazzo Adriano (PA).

Il libro: Giammario Gottuso, “La badante”, pagine 80, euro 8,00 (ISBN: 978-88-6684-033-6)

La trama: Clementine giunge in Italia all’età di ventiquattro anni dalla Croazia e il suo arrivo a Palazzo Adriano qualche anno dopo scuote la calma e l’anonimato che caratterizza il piccolo paese siciliano in provincia di Palermo. Da subito attira le attenzioni dei giovani del paese e le gelosie delle donne in età da marito consapevoli di non poter competere in bellezza ed eleganza con la giovane straniera. Il racconto è la storia, a tratti drammatica, della bella Clementine e delle vicende che l’hanno portata a diventare da badante dell’anziano ma facoltoso Andrea De Vincenti a sua attraente moglie. Al centro della vicenda il rapporto, a tratti perverso, con il nipote acquisito Giammario, e tutte le implicazioni che il gioco sentimentale instauratosi tra i due comporta.
L’autore: Giammario Gottuso è nato a Napoli nel 1943, dove si è diplomato all’Istituto Alberghiero. All’età di diciotto anni lascia la sua città natale e si trasferisce a Palermo dove, dopo una breve esperienza lavorativa presso rinomati ristoranti, lascia i fornelli e inizia l’attività di agente di commercio, sua vera vocazione. I tanti viaggi per il mondo lo portano a soddisfare il suo interesse più grande: la voglia di conoscenza di posti e persone. La badante è la sua prima pubblicazione.

Palermo 21 dicembre, Si presenta “Occhi di ghiaccio” di Giovanni Tesoriere




Venerdì 21 dicembre, alle ore 17,30 presso la Bottega “I Sapori ed i Saperi della Legalità” di Piazza Castelnuovo 13 a Palermo, sarà presentato il libro “Occhi di ghiaccio”, romanzo di Giovanni Tesoriere, ed. La Zisa. Interverranno, con l'autore, Davide Romano e Sara Pira.
La trama: Tra la lettura di un libro e un altro Pino Ruvituso, venditore di noccioline, dalla sua bancarella a Ballarò osserva la vita attiva del mercato nonché l’alternarsi di vari personaggi più o meno raccomandabili. Tra questi Luca Ferrante, detto Occhi di ghiaccio, killer professionista assoldato dalla mafia locale. In Luca inizia un lento ma progressivo processo di pentimento, che non lo rende più affidabile nel suo lavoro. Ruvituso, intuendo che per questo la mafia lo ha condannato, con l’aiuto del Francese, suo amico, e la collaborazione della polizia, decide di sventare un altro omicidio, seppur di un carnefice, sottraendolo, quindi, a una fine certa e offrendogli, così, la possibilità di redimersi. Infatti, Ferrante, dopo qualche giorno di carcere, grazie anche all’intervento di misteriose presenze, un garzone di bar e un giudice pachiderma, si ravvede completamente pentendosi di tutti gli omicidi commessi. Basteranno il definito cambiamento avvenuto in lui e gli sforzi degli “amici del mercato”, che per lui hanno rischiato la vita, a salvare Occhi di ghiaccio?
L’autore: Giovanni F. Tesoriere è nato a Palermo nel 1940. Per tanti anni è stato docente di Biochimica all’Università di Palermo. Oggi è in pensione. Ha scritto vari racconti, ma sono rimasti tutti nel cassetto. Questa è la prima volta che trova il coraggio o l’impudenza di pubblicare una storia.

venerdì 14 dicembre 2012

A Natale siamo più buoni e vi regaliamo un libro!!!



A Natale siamo più buoni e vi regaliamo un libro!!!
Volete sapere tutto sulla fine del mondo che dovrebbe avvenire entro quest’anno?
Allora inviate in una busta chiusa con il vostro indirizzo 2 euro in francobolli (per le spese postali) a Edizioni La Zisa, via Lungarini 60, 90133 Palermo, e riceverete in OMAGGIO il saggio di Walter Ferreri “La verità sul 2012”. Affrettatevi, le copie sono limitate!

Walter Ferreri, “La verità sul 2012”, Edizioni La Zisa, collana Supernovae, pagine 112, euro 8,90 (ISBN: 978-88-95709-55-0)

Dalla lettura di questo libro ognuno di noi potrà rendersi perfettamente conto "come il 2012 sia un anno come gli altri e che la sua elezione a "anno del giudizio" non sia nient'altro che un'invenzione di alcuni autori, scaturita da una loro interpretazione acritica del calendario Maya, al quale si è voluto attribuire un significato che non trova riscontro tra gli studiosi di questo popolo. Il motivo che li ha indotti a fare queste previsioni è essenzialmente di tipo economico […]: un libro che tratta di future catastrofe di eventi spettacolari o eccezionali ha molto facilmente più successo di uno […] che si limiti a raccontare la realtà dei fatti". "La storia è permeata da "profeti" e "veggenti" che hanno previsto innumerevoli volte la fine del mondo. Spesso questi comportamenti sono stati dettati da una interpretazione letterale di scritti antichi, ai quali si attribuiscono grande autorità o addirittura infallibilità. Anche nel caso dei Maya, […] la tendenza è stata quella di sopravvalutare molto le loro possibilità di previsione, […] I Maya avevano una notevole conoscenza del cielo, ma […] La loro scienza non gli permetteva di fare previsioni precise su molti avvenimenti astronomici futuri". (dalle Conclusioni dell'Autore)

Walter Ferreri, astronomo, svolge la sua attività professionale presso l'Osservatorio Astronomico di Torino. È autore di una ventina di libri e fondatore, nel 1977, della rivista di astronomia "Orione", della cui versione attuale - "Nuovo Orione" - ricopre la carica di direttore scientifico. Per le sue scoperte e ricerche nel campo degli asteroidi l'Unione Astronomica Internazionale ha conferito il nome "Ferreri" all'asteroide 3308 EP.

Arriva in libreria: Rosangela Camarda, “Un tempo per piangere, un tempo per ridere, Edizioni La Zisa, pagg. 80, euro 12



 
Nata da una famiglia povera ma molto unita, Rosangela, sin dalla prima infanzia, vive una vita segnata da continue sofferenze. All’età di sei anni viene affidata a un collegio di suore, esperienza che la colpirà profondamente al punto che, anche in seguito al ritorno a casa, svilupperà una tendenza alla solitudine e alla riflessione. “Un tempo per piangere, un tempo per ridere” è la storia autobiografica di una donna che, nonostante i lutti e le amarezze che la vita le ha riservato, prima fra tutte la perdita dell’adorata figlia, ha sempre trovato la forza e la determinazione per difendere i valori in cui più crede: la famiglia e l’amore. Rosangela ha chiamato i suoi lettori ad essere spettatori e nel contempo testimoni della sua stessa esistenza, con il dichiarato intento di trasmettere a tutti coloro che, curiosi, si accosteranno alla sua storia la tenacia, la speranza e la fede che quotidianamente l’hanno guidata nel suo percorso di vita.


Rosangela Camarda è nata e vive a Palermo. Docente di sartoria e di alta moda, ha sempre coltivato la passione per la lettura e per la scrittura. “Un tempo per piangere, un tempo per ridere” è il suo primo romanzo.

martedì 4 dicembre 2012

Presentazione libro "Casale Paradiso" presso la Bottega "I Sapori ed i Saperi della Legalità"

Giovedì 6 dicembre, alle ore 18.30 presso la Bottega "I Sapori ed i Saperi della Legalità" di Piazza Castelnuovo 13 a Palermo, sarà presentato il libro "Casale Paradiso", romanzo di Licia Romano, ed. La Zisa. Interverranno, con l'autrice, il Sostituto Procuratore della Repubblica Nino Di Matteo e l'EuroParlamentare Rita Borsellino, modererà il giornalista Davide Romano.

La trama: «Una giovane donna sola sfida i boss delle Madonie, denuncia le intimidazioni e offre alla giustizia un’infinità di testimonianze». È questa la figura di Laura Noto, la bella eroina protagonista di questa storia ambientata in un paradiso, di nome e di fatto, il casale ereditato dalla nonna, insieme al terreno che lo circonda, compreso il bosco e gli animali della fattoria, che, sapientemente, trasforma in un bed and breakfast tra i più accoglienti della zona. Con esso Laura riesce a riscattare la propria libertà e a mandare avanti un’attività imprenditoriale che fa gola ai mafiosi locali, i quali mettono in atto una serie di intimidazioni ai danni del casale per tentare, così, di piegare la proprietaria al loro volere. A questo s’intreccia la vicenda della tormentata separazione dal marito Giorgio, dopo cinque anni di litigi e incomprensioni, che si scoprirà essere anch’egli legato agli ambienti malavitosi. Emerge con forza la figura di questa piccola grande donna, amante della natura, degli animali e della buona cucina, che con coraggio e con l’appoggio della famiglia porta avanti la sua personale battaglia contro quei nemici oscuri che cercano di impossessarsi della sua tenuta. Lei, caparbia e fortemente legata ai principi e ai valori della legalità e dell’integrità morale, cercherà, grazie anche all’intervento delle forze dell’ordine nonché alla collaborazione di un commissario di polizia, del quale s’innamora perdutamente, di fare luce sugli attentati subiti, per riportare la serenità nella sua vita e al Casale Paradiso.

L'autrice: Licia Romano è nata e vive a Palermo. Laureata in giurisprudenza, è Dirigente del Comune di Palermo e da diversi anni coordina l’Area della Scuola, dedicandosi ai servizi educativi e, soprattutto, ai progetti di educazione alla legalità, di cui ha particolare conoscenza per tradizione familiare. Grande amante del mare, trascorre il suo tempo libero nella propria tenuta nel Parco delle Madonie, dove si dedica al giardinaggio, alla cura degli animali, alla preparazione delle conserve e alla pittura. Da sempre appassionata di lettura e scrittura, prima di cimentarsi nella stesura di Casale Paradiso ha scritto qualche breve racconto, articoli e recensioni per la rivista Palermo amica degli animali, e una favola con cui ha partecipato al Premio H. C. Andersen.

Palermo 6 dicembre, Si presenta “Distanze di sicurezza” di Germana Noemi Altese


“Distanze di sicurezza” è il titolo della silloge di poesie di Germana Noemi Altese, edito da La Zisa, che verrà presentato giovedì 6 dicembre, alle ore 17 e 30, presso la Sala delle Carrozze di Villa Niscemi, a Palermo. Oltre all’autrice, interverranno Antonio Buttitta, Enrico Del Mercato e Giuditta Perriera.



mercoledì 28 novembre 2012

Palermo 29 novembre, Si presenta la silloge di poesie “Come l’autunno” di Silvana Pierallini


Palermo 29 novembre, Si presenta la silloge di poesie “Come l’autunno” di Silvana Pierallini
Palermo, 28 novembre 2012 – “Come l’autunno” è il titolo della silloge di poesie di Silvana Pierallini, pubblicata dalle Edizioni La Zisa, che verrà presentata il 29 novembre, alle ore 17 e 30, presso la Sala delle Carrozze di Villa Niscemi, a Palermo. Sarà presente l’autrice.
Il libro: Silvana Pierallini, “Come l'autunno”, Edizioni La Zisa, collana Le rondini 15, pagg. 80, euro 8,00 (ISBN: 978-88-6684-025-1)
La poesia di Silvana Pierallini è un triste ma significativo atto di denuncia di un’infanzia solitaria, vissuta tra rinunce e costrizioni. L’autrice sembra accusare i suoi genitori, perché, incapaci di qualsiasi gesto d’affetto, l’hanno fatta crescere nell’assoluta mancanza di amore. Unico conforto sono le calde braccia di nonna Rosa la quale, con il suo amore e le sue favole, cerca di colmare il vuoto affettivo lasciato dai genitori. Nella malinconica raccolta che l’autrice, non a caso, intitola Come l’autunno, si sente urlare la rabbia di colei che, nonostante il passare degli anni, non è forse ancora riuscita a perdonare i due genitori, ai quali rimprovera le tante occasioni di amore sciupate in un’intera vita. Con la maturità, comunque, ha imparato ad abituarsi alla solitudine e al perdono, senza, però, riuscire a liberarsi da una malinconica tristezza. Per questo si rifugia nella contemplazione della natura e nell’opera purificatrice della poesia, dedicando quest’accorata raccolta a tutti i genitori nella speranza che, al contrario dei suoi, siano capaci di donare ai loro figli l’amore incondizionato.
Silvana Pierallini (Palermo 1946), oggi in pensione, è stata insegnante di scuola elementare e ha partecipato a svariati progetti didattici per l’infanzia, gestendo laboratori manuali con esposizione e vendite di beneficienza e scrivendo favole per bambini. È stata anche regista di recite teatrali scolastiche e direttrice di numerosi cori. Si è dedicata, inoltre, all’antichizzazione e al restauro di oggetti antichi con foglia d’oro e d’argento.

lunedì 26 novembre 2012

Palermo 27 nov., Si presenta “Quando Dio ci mette lo zampino” di Anna Di Marco

Quando Dio ci mette lo zampino” è il titolo del volume di Anna Di Marco, pubblicato dalle Edizioni La Zisa di Palermo, che verrà presentato domani (27 novembre), alle ore 18, presso l'auditorium dell'istituto comprensivo Giovanni XXIII – Piazzi di via Mario Rutelli 50, a Palermo. Oltre all’autrice, interverranno: Antonina Addamo, Aurelia Patanella, Pietro D'anna e Davide Romano.



Il libro: Anna Di Marco, “Quando Dio ci mette lo zampino”, Edizioni La Zisa, pagg. 108, euro 12 (ISBN: 978-88-6684-017-6)
Cosa succederebbe se Dio, accorgendosi che gli uomini si sono allontanati dal principio della creazione e si sono lasciati sopraffare dai Vizi, volesse trovare un rimedio? Alle prese con il suo esperimento finalizzato a condurre gli uomini verso la conoscenza, Dio è rappresentato dall’autrice con caratteristiche tipicamente umane; gli uomini a loro volta sono accolti, in modo inusuale, nella dimensione divina. Questo incontro fa scaturire scene divertenti e ironiche che, allo stesso tempo, inducono a riflettere su molti aspetti salienti della nostra società. La storia è arricchita da personaggi e da Idee personificate che le regalano varietà e dinamismo.
Anna Di Marco è nata a Partinico (PA) nel 1958. Ha conseguito la maturità presso il liceo scientifico di Partinico e lavora presso una scuola pubblica di Palermo ricoprendo il ruolo di assistente amministrativa. Coltiva da tempo, inoltre, un profondo interesse per i temi legati alla teologia, alla storia delle religioni e all’esoterismo. Ha già pubblicato per Bastogi “Il gioco delle creature dell’uomo” (2011) e “Le fiabe di Anna” (2011).

venerdì 23 novembre 2012

Palermo 30 novembre, Si presenta “Sei notti sull’Acropoli” del premio Nobel Seferis



“Sei notti sull'Acropoli”, il romanzo del premio Nobel per la letteratura Ghiorgos Seferis, verrà presentato venerdì 30 novembre, alle ore 17 e 30, presso la Bottega de "I Sapori ed i Saperi della Legalità", in piazza Castelnuovo 13, a Palermo. Interverranno Maria Caracausi, curatrice dell’opera, e Rosa Randazzo, che leggerà alcune pagine del libro. Modererà il giornalista Davide Romano.

Il Libro: Ghiorgos Seferis, “Sei notti sull'Acropoli”, Edizioni La Zisa, traduzione di Maria Caracausi, collana Nostos 1, pagine 192, euro 15,00 (ISBN: 978-88-6684-005-3)
2a edizione
“Sei notti sull'Acropoli” (“Exi nichtes stin Akropoli”), proposto in questo volume per la prima volta in versione italiana, è l'unico romanzo del poeta Ghiorgos Seferis. Concepito negli anni giovanili, ma ripreso e completato dall'autore in età matura, “Sei notti sull'Acropoli” si può considerare un romanzo di formazione sui generis, rivisitato e arricchito alla luce delle diverse esperienze culturali dell'autore in ambito greco ed europeo; caratterizzato, dal punto di vista formale, da una “contaminatio generum” - dalla narrativa al diario alla prosa lirica. Caratteristica fondamentale dell'opera è uno scambio ininterrotto di ruoli tra ombre e persone vive, come pure il continuo passaggio dal registro della realtà a quello del sogno e della fantasticheria.
Ghiorgos Seferis (1900-1971), premio Nobel per la letteratura nel 1963, è il poeta greco più noto al mondo, insieme a Kavafis, Elitis, Ritsos. Raffinato intellettuale, conoscitore tanto delle letterature classiche quanto delle correnti culturali europee del suo tempo, diplomatico di carriera, effettuò numerosi viaggi dalla prima giovinezza fino alla tarda maturità. La sua poesia essenziale, talora ermetica, è caratterizzata da un dolente senso della grecità: autentica categoria dello spirito per interpretare la realtà e la condizione umana.

lunedì 12 novembre 2012

“Abusi a Ballarò” di Patrizia Gariffo (Repubblica, 11/11/2012)


IL LIBRO di Nicolò Angileri, Destini che nessuno sa, è uno di quei libri che si legge tutto di un fiato e che racconta una realtà tanto sconvolgente quanto vera, purtroppo. Partendo da una vicenda di abusi e sfruttamento di minori avvenuta qualche anno fa nel quartiere palermitano Ballarò, il romanzo ci restituisce l' immagine di un luogo dove la vita di un bambino non ha nessun valore se non quello di essere una macchina per fare soldi. Sono come un pugno nello stomaco le storie terrificanti di tante piccole vittime della perversione degli adulti, che sono disposti a passare sulla loro innocenza e sui loro corpi indifesi per appagare gli istinti più bassi e la sete di denaro. Destini che nessuno sa, appunto, come quello del piccolo Giannino che, dopo aver visto uccidere il padre, uomo di rispetto del quartiere, diventa invisibile per tutti tranne che per un vecchio pedofilo, l' unico che gli dà "attenzioni". Da qua comincia il suo calvario reso ancora più agghiacciante dal fratello maggiore, Cosimo, che, per arricchirsi non esita a fare uccidere il padre e, poi, per pagare i killer,a vendere il fratellino al migliore offerente. Giannino passa, così, attraverso un inferno di brutalità per poi riuscire, grazie ad un aiuto insperato e alla sua forza, fuggendo da Palermo, a rifarsi una vita e a capire che solo denunciando potrà superare tutto l' orrore vissuto. Svela una quotidianità terribile di violenza e ignoranza, dove vige una sola regola: non si parla con la polizia. Questa volta, però, qualcuno ha parlato e ha salvato tanti innocenti.

Il libro: Nicolò Angileri, “Destini che nessuno sa”, Edizioni La Zisa, pagine 160, euro 14,90 (ISBN: 978-88-6684-026-8)


giovedì 25 ottobre 2012

Palermo venerdì 26 ottobre, Presentazione del libro "Casale Paradiso" di Licia Romano


Venerdì 26 ottobre, alle ore 17.30 presso la GAM (Galleria d'Arte Moderna) di via Sant'Anna 21 a Palermo, sarà presentato il libro "Casale Paradiso", romanzo di Licia Romano, ed. La Zisa. Interverranno con l'autrice Giuseppe Barbera, Antonio Ingroia e Manfredi Borsellino
La trama: «Una giovane donna sola sfida i boss delle Madonie, denuncia le intimidazioni e offre alla giustizia un’infinità di testimonianze». È questa la figura di Laura Noto, la bella eroina protagonista di questa storia ambientata in un paradiso, di nome e di fatto, il casale ereditato dalla nonna, insieme al terreno che lo circonda, compreso il bosco e gli animali della fattoria, che, sapientemente, trasforma in un bed and breakfast tra i più accoglienti della zona. Con esso Laura riesce a riscattare la propria libertà e a mandare avanti un’attività imprenditoriale che fa gola ai mafiosi locali, i quali mettono in atto una serie di intimidazioni ai danni del casale per tentare, così, di piegare la proprietaria al loro volere. A questo s’intreccia la vicenda della tormentata separazione dal marito Giorgio, dopo cinque anni di litigi e incomprensioni, che si scoprirà essere anch’egli legato agli ambienti malavitosi. Emerge con forza la figura di questa piccola grande donna, amante della natura, degli animali e della buona cucina, che con coraggio e con l’appoggio della famiglia porta avanti la sua personale battaglia contro quei nemici oscuri che cercano di impossessarsi della sua tenuta. Lei, caparbia e fortemente legata ai principi e ai valori della legalità e dell’integrità morale, cercherà, grazie anche all’intervento delle forze dell’ordine nonché alla collaborazione di un commissario di polizia, del quale s’innamora perdutamente, di fare luce sugli attentati subiti, per riportare la serenità nella sua vita e al Casale Paradiso.
L'autrice: Licia Romano è nata e vive a Palermo. Laureata in giurisprudenza, è Dirigente del Comune di Palermo e da diversi anni coordina l’Area della Scuola, dedicandosi ai servizi educativi e, soprattutto, ai progetti di educazione alla legalità, di cui ha particolare conoscenza per tradizione familiare. Grande amante del mare, trascorre il suo tempo libero nella propria tenuta nel Parco delle Madonie, dove si dedica al giardinaggio, alla cura degli animali, alla preparazione delle conserve e alla pittura. Da sempre appassionata di lettura e scrittura, prima di cimentarsi nella stesura di Casale Paradiso ha scritto qualche breve racconto, articoli e recensioni per la rivista Palermo amica degli animali, e una favola con cui ha partecipato al Premio H. C. Andersen.

giovedì 11 ottobre 2012

PALERMO 12 OTTOBRE, PRESENTAZIONE DELLA SILLOGE DI CLELIA MAURO “PROTEGGI LA BELLEZZA DEL CUORE”, LA ZISA



http://www.lazisa.it/mauro_clelia.html

Palermo, 11 ottobre 2012 – Venerdì 12 ottobre, alle ore 17.30, presso la suggestiva cornice della Sala delle Carrozze di Villa Niscemi, a Palermo, verrà presentata la silloge di poesie di Clelia Mauro Proteggi la bellezza del cuore. Love & loss. Oltre all’autrice interverranno: Maria Rita Pitestio, Giusy Traina e Nik Sampignaro. Modererà Davide Romano. Seguirà rinfresco. La raccolta di poesie Proteggi la bellezza del cuore. Love & loss di Clelia Mauro dà voce alle illusioni e alle speranze di una donna che, dopo varie sofferenze, esprime in semplici versi sciolti da ogni costruzione metrica la nostalgia di un amore mancato, di un uomo distante del quale attende un gesto d’affetto, sia esso una carezza o una parola di conforto. Edito da La Zisa (Palermo, 2012) e con prefazione di Maria Rita Postestio (ISBN: 978-88-6684-015-2), il testo è dedicato a coloro che hanno paura dell’amore e si chiedono se questo sentimento potrà o meno proteggerli e salvarli dai dolori della vita. Clelia Mauro, nata a Palermo nel 1955, madre di due figli e nonna, ex insegnante di scuola primaria, decide in età matura di dedicarsi alla sua passione verso la scrittura traducendo in versi intrisi di nostalgia e di dolore il sentimento al centro della vita di ogni uomo, l’amore.

martedì 9 ottobre 2012

Shalòm, Sono aperte le iscrizioni al secondo Corso base low cost di lingua ebraica

Sono aperte le iscrizioni al secondo Corso base low cost di lingua ebraica moderna “Shalòm”  organizzato dalle Edizioni La Zisa. Il corso, destinato ad un numero massimo di 10 partecipanti, sarà tenuto da un insegnate di madrelingua ebraica e partirà il 23 ottobre 2012. Strutturato in 10 incontri (uno a settimana), avrà un costo complessivo di euro 120. Le lezioni si terranno ogni martedì alle ore 18 presso i locali della casa editrice in via Lungarini 60, a Palermo. A richiesta, verrà rilasciato un attestato di frequenza. Le iscrizioni dovranno essere effettuate entro e n on oltre il 22 ottobre presso la segreteria della casa editrice sita in via Lungarini 60, a Palermo (dal lunedì al venerdì, dalle ore 9,00 alle ore 13,00). Il calendario delle lezioni sarà il seguente: 23 e 30 ottobre; 6, 13, 20 e 27 novembre; 4, 11, 18 e 19 dicembre. Per iscrizioni e informazioni: Tel. +39 091 5509295 o scrivere a info@lazisa.it

lunedì 1 ottobre 2012

ROMANO CORNUTO EBREO DI MERDA


Arrivando in casa editrice questa mattina ho trovato un regalino di uno sconosciuto: il nome della casa editrice era stato cancellato dal campanello con un pennarello permanente e nello spazio libero del citofono campeggiava questa bella scritta: “ROMANO CORNUTO EBREO DI MERDA”. 
Ora, l’epiteto “cornuto” è ormai logoro, scontato e banale e, perdonatemi, anche piuttosto infantile. Ma il darmi dell’ “ebreo di merda” davvero non lo comprendo. Vorrebbe l’autore che, magari col favore delle tenebre, ha vergato pensieri così criptici venirmelo a spiegare se ha coraggio? Venga, insomma, se è un uomo e non un miserabile quale io sinceramente credo che sia.
(Davide Romano - direttore editoriale La Zisa)

giovedì 20 settembre 2012

Invito: Palermo 28 settembre, Si presenta “Destini che nessuno sa” di Nicolò Angileri, La Zisa



La SV. è invitata alla presentazione di “Destini che nessuno sa”, l’ultimo romanzo di Nicolò Angileri, che le Edizioni La Zisa mandano in questi giorni in libreria, che avrà luogo venerdì 28 settembre, alle ore 17, presso la Sala Martorana di Palazzo Comtini, in via Maqueda 100, a Palermo. All’iniziativa, patrocinata dalla Camera dei Deputati e dalla Provincia Regionale di Palermo, interverranno: Pippo Fallica, Segretario di Presidenza della Camera dei Deputati; Giovanni Avanti, Presidente della Provincia di Palermo; Nicola Zito, Questore di Palermo; Silvana Saguto, Presidente del Tribunale di Palermo Sezione M.P.; Alessia Sinatra, Sostituto Procuratore della procura di Palermo; Domenico Barone, Criminologo; Claudia Mandracchia, Editor Mondadori; Roberto Sardina, Attore e regista. Modererà Rino Cascio, Giornalista Rai.

Il libro: Nicolò Angileri, “Destini che nessuno sa”, Romanzo, Pagine 160, Euro 14,00, Edizioni la Zisa (ISBN: 978-88-6684-026-8)

Romanzando un’agghiacciante vicenda di cronaca realmente accaduta a Palermo alcuni anni fa – una sordida storia di sfruttamento di minori e di film pedopornografici, Nicolò Angileri tratteggia il ritratto di un quartiere e delle figure che vi si muovono, alcune con ferocia, altre con rassegnazione, i bambini spesso con l’innocenza violata da adulti insensibili a tutto tranne che al richiamo del denaro. Per tutti, nel quartiere, i buoni come i cattivi, vige un tabù: non si fanno denunce alla polizia, non si è spioni. Il ricordo delle passate sofferenze e la consapevolezza che solo parlandone le potrà superare riusciranno a convincere uno dei piccoli abusati a raccontare tutto. Sullo sfondo, nel romanzo, si muovono personaggi indimenticabili delle battaglie civili di quegli anni contro la mafia, la delinquenza, l’ignoranza, come don Pino, padre Puglisi, che fu sempre al fianco degli oppressi e alla ribellione alle regole dell’omertà dedicò la vita.

Nicolò Angileri (Ficarazzi, 1970), sposato e padre di due figli, svolge dal 1989 con passione il suo lavoro di poliziotto. All’interno della Squadra Mobile ha svolto il proprio incarico presso la sezione omicidi e la sezione antirapina; da circa dieci anni è in servizio presso la sezione specializzata in danno di minori. Nel 2009, in collaborazione con Raffaella Catalano, ha pubblicato la sua prima opera, “Angeli e orchi”, con la quale nel maggio del 2010 ha vinto il premio letterario “Racalmare Leonardo Sciascia scuola”; nel luglio dello stesso anno ha vinto il premio speciale al concorso internazionale “Incostieramalfitana”.


Le Edizioni La Zisa aderiscono ad Addipizzo e tutti i volumi sono certificati “Pizzo free”.

mercoledì 19 settembre 2012

Bergamo 28 settembre 2012, Si presenta “Perché nessuno mi crede?! Storia di Stella” di Massimiliano Frassi (Ed. La Zisa)


“Perché nessuno mi crede?! Storia di Stella” di Massimiliano Frassi, mandato in questi giorni in libreria dalla casa editrice La Zisa, verrà presentato, in anteprima nazionale, a Bergamo, il 28 settembre, alle ore 16, presso la Sala Conferenze c/o Sede territoriale della Regione Lombardia, in via XX settembre n.18. Interverranno: Massimiliano Frassi, autore e presidente Associazione Prometeo; Elena Martellozzo, criminologa presso Scotland Yard Londra e docente di criminologia presso la Westminster University; Reginald Jooke, ispettore capo Unità crimini sui minori Scotland Yard; e Gabriella Vitali D’Andrea.

martedì 18 settembre 2012

“L’urlo innocente” di Amelia Crisantino (“La Repubblica”, domenica 16 settembre)


STELLA è una bella bambina di otto anni che vive un dramma, spesso il suo amato papà fa con lei giochi che devono restare segreti altrimenti, l'angelo custode piangerebbe cosi forte da morirne. E in breve anche Stella e la sua mamma lo seguirebbero. In “Perché nessuno mi crede? Storia di Stella”, Massimiliano Frassi racconta la storia vera di una bambina abusata che, come tante volte purtroppo accade, percorre una via crucis dove alla prima violenza ben presto se ne aggiungono tante altre. Stella trova il coraggio di chiedere aiuto ma il padre è facoltoso, molto influente: nessuno crede alla bambina, l’uomo conquista o intimidisce chi potrebbe aiutarla. Stella comincia a essere curata come bugiarda e mitomane, i metodi sono molto discutibili e lei rischia di diventare davvero una piccola malata di mente. Gli anni passano, negli intervalli fra un elettroshock continuano le violenze paterne. Di ritorno da un ricovero Stella è ascoltata dalla madre, che finalmente mette in fila tanti piccoli indizi e infine le crede. Andranno via, ma lei è ormai vittima di comportamenti autodistruttivi e la strada per riuscire a ritrovare la voglia di vivere è troppo lunga e incerta. Stella non ce la fa. Il libro spinge a riflettere su una violenza sempre nascosta, di cui si accorge solo quando un caso eclatante visibili i suoi protagonisti. E invita a una maggiore attenzione verso parole e comportamenti di bambini spesso troppo soli.

Il libro: Massimiliano Frassi, “Perché nessuno mi crede?! Storia di Stella”, Edizioni La Zisa, Pagine 112, Euro 9,90 ISBN: 978-88-6684-018-3

http://www.lazisa.it/frassi_perche.html

venerdì 31 agosto 2012

Con un semplice clik i libri islamici direttamente a casa tua!


Palermo, 31 agosto 2012 - Da oggi sarà possibile ordinare direttamente dal sito delle Edizioni La Zisa (http://www.lazisa.it/edizioni_orientamento-al_qibla.html), con uno sconto del 15% sul prezzo di copertina e con spese di spedizione molto contenute, tutti i volumi della prestigiosa casa editrice islamica Al Qibla. Condizioni particolari sono riservate alle librerie e per ordini superiori ai 100 euro. Per info: Tel./Fax 091 5509295; e-mail: segreteria@lazisa.it

Presentazione delle “Edizioni Orientamento - Al Qibla”

In lingua araba al-qibla è la direzione della Ka‘ba, la ‘Santa Casa di Dio’ a Mecca, verso cui ogni orante compie la preghiera, in qualsiasi parte del mondo si trovi; in altre parole, o secondo un significato più profondo, essa rappresenta l’orientazione rituale verso la Teofania, la Manifestazione divina principiale che irradia dal Centro del mondo. Così, in ambito islamico è secondo al-qibla che ‘si dirige’ la vita del credente (nei suoi aspetti rituali come in quelli più comuni), ed è secondo al-qibla che egli viene seppellito e attende la Resurrezione. Nella misura in cui mette in atto tale orientazione, il musulmano si pone sempre nel punto più opportuno per ascendere ed avvicinarsi alla Fonte suprema, o perlomeno per non rimanere tagliato fuori dalla benedizione che da essa emana. Se passiamo all’italiano, è lecito chiedersi se esiste qualche termine che si possa considerare analogo.

In effetti la parola orientamento, pur non potendo essere considerata sic et simpliciter una traduzione di al-qibla, trae la sua origine da Oriente, e come è noto nel Cristianesimo medievale l’Oriente rappresentava la direzione rituale per eccellenza. Si può anche dire che i significati attuali di orientamento (riferiti quasi esclusivamente all’ambito geografico e a quello della ‘formazione’ professionale, o più in generale della preparazione attitudinale) rappresentino secondo Verità dei significati secondari rispetto a quello fondamentale e basilare, relativo appunto al porsi nella direzione rituale, concetto quest’ultimo che, scemando man mano la volontà e la pratica di un’orientazione rituale, pare ‘inespresso’ nel linguaggio corrente. Ecco la nostra Casa Editrice si propone due obiettivi, che non riteniamo per nulla contradditori: da una parte presentare l’Islam nella maniera più corretta, più completa e più scrupolosa possibile (anche per essere tra i nobili veicoli della diffusione della peculiare influenza spirituale che all’Islam si collega); dall’altra promuovere e pubblicare studi che aiutino nella comprensione profonda della Tradizione più propriamente occidentale (per sostenere coloro che si propongano di scoprire, grazie alla luce del Sacro, il deposito di sapienza che sta alla base della nostra cultura.
Abbiamo così scelto di accostare nel nome che ci caratterizza le due parole Orientamento e Al-Qibla, per richiamare quanto nelle due culture indica appunto il volgersi all’insegnamento divino. Nel logo, queste due parole sono sovrastate dalla lettera araba nûn. Tale nûn è stilizzata in modo da aprirla verso l’alto, così da esporre graficamente un aspetto del segreto che in essa è contenuto, e al quale Guénon ha dedicato alcune bellissime pagine. Nell’insegnamento del ‘sommo Maestro’ dell’esoterismo islamico, Muhiyyu d-Dîn Ibn ‘Arabî, la nûn è “un immenso segreto, segreto che costituisce la porta della generosità e della misericordia.”

Casa editrice La Zisa - Via Lungarini 60 - 90133 Palermo (IT); Tel./Fax +39 091 5509295
E-mail: presidente@lazisa.it; sito web: www.lazisa.it
Blog: http://edizionilazisa.blogspot.com
www.facebook.com/pages/Casa-Editrice-La-Zisa/232587155354
www.twitter.com/#!/La_Zisa

giovedì 23 agosto 2012

Shalòm - Corso base low cost di lingua ebraica


Sono aperte le iscrizioni al Corso base low cost di lingua ebraica moderna organizzato dalle Edizioni La Zisa. Il corso sarà tenuto da un insegnate di madrelingua ebraica e inizierà il 26 settembre. Strutturato in 10 incontri (uno a settimana), avrà un costo complessivo di euro 120. A richiesta verrà rilasciato un attestato di frequenza. Le lezioni si terranno ogni mercoledì, alle ore 18, presso i locali della casa editrice in via Lungarini 60, a Palermo. Per iscrizioni e informazioni: Tel. +39 091 5509295 o scrivere a: info@lazisa.it
La segreteria è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13. Calendario delle lezioni: 26 settembre; 3, 10, 17, 24 e 31 ottobre; 7, 14, 21 e 28 novembre.

lunedì 13 agosto 2012

Mafia, Romano (Ediz. La Zisa), Piena solidarietà a Billeci per intimidazione


Comunicato Stampa

Mafia, Romano (Ediz. La Zisa), Piena solidarietà a Billeci per intimidazione

Palermo, 13 agosto 2012 - «Vorrei esprimere a Francesco Billeci, destinatario nei giorni scorsi di una inquietante lettera intimidatoria, la piena solidarietà e la più affettuosa vicinanza, in questo momento per lui così difficile, di tutta la casa editrice La Zisa e la mia in particolare. So che Francesco non si lascerà intimidire e che continuerà, come sinora ha fatto, a denunciare con i suoi libri il malaffare dei colletti bianchi e la presenza e l’azione delle organizzazioni criminali nel suo territorio. Così come Francesco sa che continueremo a essere al suo fianco nella sua bella battaglia, che è anche la nostra». Lo scrive in una nota Davide Romano, direttore editoriale delle Edizioni La Zisa.
«Te ne devi andare da Borgetto perché sei uno sbirro». Così comincia la lettera recapitata, alcuni giorni fa, all’imprenditore Francesco Billeci, fondatore in paese dell’associazione antiracket e antiusura. L’episodio è stato denunciato alla Polizia. Chi ha scritto la lettera, forse volutamente, lo ha fatto in un italiano un po’ incerto, inserendo pure qualche termine dialettale.
Continua la missiva: «La devi smettere di scrivere minchiate». Una minaccia esplicita che fa chiaro riferimento all’ultimo romanzo scritto dall’imprenditore con la passione per il thriller: “Segreti di mafia” (con la prefazione di Rita Borsellino), pubblicato nei mesi scorsi dalle Edizioni La Zisa, e che contiene numerosi riferimenti a fatti di cronaca, anche recenti, e personaggi del suo territorio. «Ti consigliamo di farti i ca… tuoi», conclude la lettera.
«Questa lettera non mi scoraggia – commenta Billeci -, anzi mi dà la forza di andare avanti. Vuol dire che quanto ho scritto dà fastidio. E il libro “Segreti di mafia” l’ho scritto proprio per questo».

martedì 7 agosto 2012

Marinella di Selinunte (Tp) 8 agosto 2012, Si presenta il romanzo del premio Nobel Seferis “Sei notti sull’Acropoli”, La Zisa

Le Edizioni La Zisa e il Club Unesco di Castelvetrano - Selinunte presentano il romanzo, per la prima volta pubblicato in Italia, del premio Nobel per la letteratura Ghiorgos Seferis, “Sei notti sull’Acropoli”. L’iniziativa avrà luogo l’8 agosto, alle ore 19, presso l’Hotel Admeto di via Palinuro 3, a Marinella di Selinunte (Castelvetrano), in provincia di Trapani. Interverranno: Felice Errante, Sindaco di Castelvetrano; Giuseppe Libero Bonanno, docente di letteratura classica; e Maria Caracausi, curatrice del volume.

Il libro: Ghiorgos Seferis, “Sei notti sull’Acropoli”, Traduzione di Maria Caracausi, Edizioni La Zisa (2a edizione)

“Sei notti sull’Acropoli” (“Exi nichtes stin Akropoli”), proposto in questo volume per la prima volta in versione italiana, è l’unico romanzo del poeta Ghiorgos Seferis. Concepito negli anni giovanili, ma ripreso e completato dall’autore in età matura, “Sei notti sull’Acropoli” si può considerare un romanzo di formazione sui generis, rivisitato ed arricchito alla luce delle diverse esperienze culturali dell’autore in ambito greco ed europeo; caratterizzato, dal punto di vista formale, da una contaminatio generum - dalla narrativa al diario alla prosa lirica. Caratteristica fondamentale dell’opera è uno scambio ininterrotto di ruoli tra ombre e persone vive, come pure il continuo passaggio dal registro della realtà a quello del sogno e della fantasticheria.

Ghiorgos Seferis (1900-1971), premio Nobel per la letteratura nel 1963, è il poeta greco più noto al mondo, insieme a Kavafis, Elitis, Ritsos. Raffinato intellettuale, conoscitore tanto delle letterature classiche quanto delle correnti culturali europee del suo tempo, diplomatico di carriera, effettuò numerosi viaggi dalla prima giovinezza fino alla tarda maturità. La sua poesia essenziale, talora ermetica, è caratterizzata da un dolente senso della grecità: autentica categoria dello spirito per interpretare la realtà e la condizione umana.

http://www.lazisa.it/files/locandina_seferis_8agosto12.jpg

http://www.lazisa.it/seferis.html

http://www.mazaraonline.it/?p=41374


lunedì 30 luglio 2012

W la Grecia! - Corso base low cost di greco moderno


Sono aperte le iscrizioni al Corso base low cost di greco moderno organizzato dalle Edizioni La Zisa. Il corso, destinato ad un numero massimo di 10 partecipanti, partirà dal mese di settembre 2012. Strutturato in 10 incontri (uno a settimana), avrà un costo complessivo di euro 120. Le lezioni si terranno ogni giovedì, alle ore 18, presso i locali della casa editrice in via Lungarini 60, a Palermo. A richiesta verrà rilasciato un attestato di frequenza. (Calendario delle lezioni: 27 settembre; 4, 11, 18 e 25 ottobre; 8, 15, 22 e 29 novembre; 6 dicembre). Per iscrizioni e informazioni: Tel. +39 091 5509295 o scrivere a: info@lazisa.it
La segreteria della casa editrice è aperta dal lunedì al venerdì: dalle ore 9,00 alle ore 13,00

lunedì 2 luglio 2012

Shalòm – Corso base low cost di lingua ebraica


Palermo, 2 luglio 2012 - Sono aperte le iscrizioni al Corso base di lingua ebraica moderna organizzato dalle Edizioni La Zisa e dalla Comunità ebraica di Palermo. Il corso, destinato ad un numero massimo di 10 partecipanti, sarà tenuto da un insegnate di madrelingua ebraica e partirà dal mese di settembre 2012. Strutturato in 10 incontri (uno a settimana), avrà un costo complessivo di euro 120. Le lezioni si terranno ogni mercoledì alle ore 18 presso i locali della casa editrice in via Lungarini 60, a Palermo. A richiesta verrà rilasciato un attestato di frequenza. (Calendario delle lezioni: 26 settembre; 3, 10, 17, 24 e 31 ottobre; 7, 14, 21 e 28 novembre).
Per iscrizioni e informazioni: Tel. +39 091 5509295 o scrivere a: info@lazisa.it
La segreteria della casa editrice è aperta dal lunedì al venerdì: dalle ore 9,00 alle ore 13,00

lunedì 25 giugno 2012

“ELOGIO DELL'OZIO” di GIANFRANCO PERRIERA (Repubblica, 24 giugno 2012)


CI SONO boutade che ci accompagnano sin dall'infanzia, probabilmente perché nascondono una qualche insidia per il pensiero. Su una di queste boutade si concentra "Prendo i soldi... per stare a casa. Come guadagnare senza fare nulla", scorrevole libretto di Riccardo Lazzerini, scenografo, regista, organizzatore culturale, consigliere provinciale a Firenze. È possibile - si chiede l'autore - che la gente accetti di rinunciare a qualsiasi impegno lavorativo, acconsenta a restarsene a casa per un certo numero di ore in cambio di uno stipendio di mille euro? Se ne ricaverebbe una consistente riduzione degli incidenti sul lavoro e dei costi dei relativi indennizzi, si potrebbe sfuggire al consumismo compulsivo e agli imperativi volti a renderci iperproduttivi, si recupererebbe un tempo più a misura d'uomo e meno stressante e, dulcis in fundo, si potrebbero offrire alcune ore di "non lavoro" come volontariato in campo sociale. Nel passato - viene da pensare - l'umanità, per sfuggire alla tirannia del tempo produttivo, sognava l'età dell'oro o il paese di Bengodi. Nell'Ottocento, Marx profetizzava una società che, nel trionfo della tecnica, avrebbe esentato l'uomo dalla fatica e gli avrebbe regalato il tempo davvero libero. E, ai nostri giorni, invece non resta che l'opportunità di una volontaria esclusione. E se tra le pieghe divertite del libro di Lazzarini si annidasse la cruda verità che soltanto la segregazione (di alcuni? di tanti?) consentirebbe all'attuale sistema di sopravvivere? Chissà. Ad ogni modo è con un senso di sollievo che apprendiamo che il piccolo campione cui è stata sottoposta la proposta abbia preferito declinare l'offerta.

Il libro: Riccardo Lazzerini, "Prendo i soldi… per stare a casa. Come guadagnare senza fare assolutamente nulla", Presentazione di Andrea Barducci, Prefazione di Fabio Bonasera, Con 4 vignette inedite di Sergio Staino, Pagine 80, Euro 7,90 (ISBN: 978-88-9570-993-2)

http://www.lazisa.it/lazzerini.html

lunedì 18 giugno 2012

Torna in libreria: Ugo Pettenghi, “La grande crisi del '29. Una storia che si ripete”, La Zisa


Torna in libreria: Ugo Pettenghi, “La grande crisi del '29. Una storia che si ripete”, Prefazione di Nino Amadore, Con una nota di Michelangelo Bellinetti, Pagg. 80, Euro € 9,90 (ISBN: 978-88-95709-61-1), Edizioni La Zisa

La Grande depressione del 1929 ha "molte analogie con i nostri tempi, fatti di drammi e numerosi suicidi, ma anche di economisti birbanti e truffatori. Un mondo costruito sul debito e sui castelli di carta che ha portato al crollo di grandi banche: […] Allora come oggi cittadini creduloni e ingenui […] hanno creduto alle magnifiche sorti e progressive dello stock exchange, della forza senza pari del mercato borsistico: Pettenghi descrive con minuzia l'euforia del 1928, le proposte che oggi appaiono pittoresche per rilanciare l'economia, il ruolo deficitario del governo degli Stati Uniti, l'entusiasmo di certi economisti pronti a scommettere che il valore delle azioni era destinato a crescere". Allora come oggi i "birbanti" riescono a farla franca, e tocca ai poveri illusi di pagarne le amare conseguenze.

Ugo Pettenghi, giornalista di vaglia, maestro di intere generazioni di cronisti italiani: prima alla “Notte”, il giornale reso grande da Nino Nutrizio, poi al “Corriere d'informazione” e alla “Domenica del Corriere” e, infine, al “Corriere Medico”. Qui chiuse con i giornali e di lì a poco anche con la vita.

http://www.lazisa.it/pettenghi.html


giovedì 14 giugno 2012

New York 15/06 e Agrigento 16/06, Doppio appuntamento per i libri delle Edizioni La Zisa


Palermo, 14 giugno 2012 – Doppio appuntamento per i libri delle Edizioni La Zisa. Il primo: venerdì 15 giugno, a New York (Usa), presso la prestigiosa ST. John University, sarà presentato il romanzo di Rosa Maria Ponte “Nel cuore della notte”. L’iniziativa, sponsorizzata da Joseph Sciame, Past President dell’Ordine dei Figli d’Italia in America, avverrà alla presenza di noti rappresentanti della comunità italiana e del corpo accademico. Il libro verrà poi donato alle biblioteche del Garibaldi-Meucci Museum e della Columbia University, Casa Italia.

Il secondo: sabato 16 giugno, alle ore 17, presso l’Ex Collegio dei Padri Filippini, ad Agrigento, sarà presentato, invece, il romanzo di Giuseppa Iacono Baldanza “La casa con i balconi”. Interverranno: Anna maria Sermenghi, Roberto Navarra, Paola Alagna e Davide Romano. Coorodinerà: Enzo Alessi. Letture di Roberta Barone. Sarà presente l’autrice.

http://www.lazisa.it/ponte.html

http://www.lazisa.it/iacono_baldanza.html

venerdì 8 giugno 2012

Torna in libreria il romanzo del premio Nobel greco Ghiorgos Seferis “Sei notti sull’Acropoli”, La Zisa


Torna in libreria il romanzo del premio Nobel greco Ghiorgos Seferis “Sei notti sull’Acropoli”, Traduzione di Maria Caracausi, Collana Nostos, Pagine 192, Euro 15,00 (ISBN 978-88-6684-005-3), Edizioni La Zisa

2a edizione!

"Sei notti sull’Acropoli (Exi nichtes stin Akropoli)”, proposto in questo volume per la prima volta in versione italiana, è l’unico romanzo del poeta Ghiorgos Seferis. Concepito negli anni giovanili, ma ripreso e completato dall’autore in età matura, “Sei notti sull’Acropoli” si può considerare un romanzo di formazione sui generis, rivisitato ed arricchito alla luce delle diverse esperienze culturali dell’autore in ambito greco ed europeo; caratterizzato, dal punto di vista formale, da una contaminatio generum - dalla narrativa al diario alla prosa lirica. Caratteristica fondamentale dell’opera è uno scambio ininterrotto di ruoli tra ombre e persone vive, come pure il continuo passaggio dal registro della realtà a quello del sogno e della fantasticheria.

Ghiorgos Seferis (1900-1971), premio Nobel per la letteratura nel 1963, è il poeta greco più noto al mondo, insieme a Kavafis, Elitis, Ritsos. Raffinato intellettuale, conoscitore tanto delle letterature classiche quanto delle correnti culturali europee del suo tempo, diplomatico di carriera, effettuò numerosi viaggi dalla prima giovinezza fino alla tarda maturità. La sua poesia essenziale, talora ermetica, è caratterizzata da un dolente senso della grecità: autentica categoria dello spirito per interpretare la realtà e la condizione umana.

http://www.lazisa.it/seferis.html

giovedì 7 giugno 2012

Frassi (Associazione Prometeo), Chiusura sedi Polizia Postale è regalo a pedofili


Milano, 07/06/2012 - “La chiusura delle sedi locali della Polizia Postale di fatto permetterà ai pedofili di agire impunemente nella rete.” A lanciare l’allarme è il presidente dell’associazione antipedofili Prometeo, Massimiliano Frassi, che ha scritto una lettera aperta al Ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri. La missiva, apparsa oggi sul suo blog (www.massimilianfrassi.it ), chiede un intervento al Ministro per evitare la chiusura di tutte le sezioni locali della Polizia Postale, mandando più di mille agenti ad occuparsi di altri tipi di reati e sottraendo così del personale “altamente specializzato”. Scrive Frassi: “In questi anni la Polizia Postale ha arrestato, spesso addirittura in flagranza di reato, quasi 6mila predatori di bambini. Ha sequestrato e bloccato la diffusione di milioni di immagini e video a carattere pedofilo. Un sito pedopornografico può far guadagnare anche 90mila euro al giorno, garantendo alla criminalità organizzata soldi sulla pelle dei bambini”. Ed ha aggiunto: “Potrei riempire pagine e pagine di questa lettera per evidenziare il valore di questi agenti, ma mi rendo conto che Lei sa benissimo di quale bene per la collettività stiamo parlando, avendo in un suo intervento alla Camera del 01.02.2012 sottolineato proprio “la straordinaria attività di monitoraggio della rete internet” da parte della Postale, auspicando peraltro che “occorre implementare gli strumenti a disposizione degli operatori della Polizia Postale che hanno oramai acquisito un ruolo internazionalmente riconosciuto”.“Proprio per questo – ha concluso Frassi - La supplico, a nome di tutti quei bambini che voce non hanno, né mai avranno, di intervenire per evitare che i tagli alla Polizia portino alla soppressione di tutte le sedi locali. Nel solo Lazio resterebbe la sede di Roma e già questo rende l’idea di che danno sarebbe. Un intervento simile è un regalo alla pedofilia. E Lei, come noi, questo non lo può accettare.”

Questo link per leggere la missiva in forma integrale: http://www.massimilianofrassi.it/blog/appello_ministro_cancellieri_smantellamento_polizia_postale.html

Nei prossimi giorni l’associazione Prometeo promuoverà altri interventi di sensibilizzazione al riguardo.

Palermo 8 giugno, Si presenta la silloge di poesie di Marinella Gennari “Io sono il momento” (Ed. La Zisa)


Palermo, 7 giugno 2012 – “Io sono il momento” è il titolo della silloge poetica di Marinella Gennari, pubblicata dalla casa editrice palermitana La Zisa, che verrà presentata domani (venerdì 8 giugno), alle ore 17:30, presso la sala "Sciascia" del piano nobile di Palazzo Comitini, in via Maqueda 100, a Palermo. Introdurrà il Presidente della Provincia Regionale di Palermo, il Dott. Giovanni Avanti. Interverranno la Dott.ssa Rossella Messina e il Dott. Maurizio Rotolo, direttore della Soprintendenza alla Provincia. Accompagnamento musicale del Maestro Francesco Di Luisi, che eseguirà alcuni brani con l’Hang-drum Sarà presente l’autrice. Seguirà rinfresco.

http://www.lazisa.it/files/invito_gennari_iio_sono_il_momento.jpg

Il libro: Marinella Gennari, “Io sono il momento”, poesie, pp. 80, euro 9,90

La relazione feconda con la scrittura sembra nascere in Marinella insieme all’attività di restauratrice. Non è, quindi, un caso che dalla sua poesia emergano e si trasformino in versi i colori e gli strumenti del suo lavoro. Sembra essere una “restauratrice dell’anima” l’autrice che lavora a intagliare i propri vissuti. La poesia è il luogo dove svuotare le tasche, è l’amica con la quale «scambiare quattro chiacchiere». Costantemente alla ricerca di se stessa e della distanza da se stessa, Mimì «passeggia la vita», Prigioniera felice alla continua scoperta di quella parte del corpo che «chiede un restauro ». E in questo sa essere l’artista completa che, insieme all’arte della vita, ha imparato quella della scrittura e del restauro.

Nata a San Felice sul Panaro (Mo), Marinella Gennari, dopo il lavoro in fabbrica, a 19 anni inizia a frequentare come apprendista una bottega di restauro. Qualche tempo dopo ne apre una sua a Mirandola, sempre nel Modenese. La sua anima irrequieta e costantemente “alla ricerca” la porta a Bologna dove si sottopone a un lungo periodo di psicoterapia, a Milano dove segue due anni di vissuto corporeo, e a Termoli, in provincia di Campobasso, dove termina i suoi studi e, oltre a continuare la sua professione di restauratrice, apre un locale notturno di musica jazz. Infine sbarca a Palermo dove tuttora vive e svolge la sua attività.