giovedì 28 marzo 2019

La Via della Seta passa da Palermo. Sono aperte le iscrizioni la corso base di lingua e cultura cinese “NIHAO!”




L’apprendimento del cinese mandarino, il pǔtōnghuà, oggi la lingua più parlata al mondo e così diversa dalle lingue latine per fonetica, sintassi e morfologia, rappresenta una stimolante sfida personale, oltre che un’opportunità anche dal punto di vista imprenditoriale e lavorativo.

Avere la possibilità di accedere allo studio del cinese, che oggigiorno rappresenta in Europa l’idioma di una delle più numerose comunità di cittadini immigrati, può anche favorire una reale comunicazione interculturale e migliorare i rapporti tra le nuove generazioni, nell’ottica di una formazione che ponga le basi di una pacifica e prolifica convivenza multiculturale, nonché la creazione di una cittadinanza mondiale.

Il corso di lingua e cultura cinese “Nihao!”, organizzato dalle Edizioni la Zisa e dall’associazione culturale La Tenda di Abramo, sarà tenuto da un’insegnate qualificata, inizierà venerdì 3 maggio, alle ore 18, e sarà articolato in una lezione a settimana (sempre alle ore 18,00 e sempre di venerdì), di due ore ciascuna, per un totale di 10 ore, presso la sede della casa editrice in via Vann’Antò 16, a Palermo.

Il costo complessivo è di soli 90,00 (novanta) euro. A richiesta, al termine del corso, verrà rilasciato un attestato.

Il progetto prevede di affrontare un argomento di cultura cinese per ogni lezione, dedicando due ore ad argomento, mettendo in evidenza i punti di incontro o di divergenza tra la cultura cinese e quella italiana.

Gli argomenti trattati, con relativa parte linguistica, saranno:

venerdì 3 maggio: Una lingua tutta da scoprire con il metodo chineasy
venerdì 10 maggio: Feste e tradizioni
venerdì 17  maggio: La Famiglia
venerdì 24 maggio: Tutti a tavola!
venerdì 31 maggio: La letteratura cinese: Dragon Ball e Mulan

Le iscrizioni dovranno essere effettuate entro e non oltre il 30 aprile.

Info: tel. 091 5509295 - cell. 327 9053186 o scrivere a:ass.latendadiabramo@gmail.com

mercoledì 27 marzo 2019

Scomparsa prof.ssa Ines Di Salvo, Il cordoglio delle Edizioni La Zisa



Con grande dispiacere abbiamo appena appreso che la professoressa Ines Di Salvo, ordinaria di neogreco all'Università di Palermo, si è spenta ieri notte dopo una breve lotta con la terribile malattia.

Con la professoressa Di Salvo negli anni hanno scorsi abbiamo avuto un fruttuosa e intensa collaborazione che ha riguardato anche l'organizzazione del Premio Letterario Internazionale di Poesia e Narrativa “Jorgos Seferis”. 
In chi l'ha conosciuta e frequentata, come noi, la professoressa Di Salvo lascia davvero un grande vuoto.

lunedì 25 marzo 2019

Palermo, Bruciata auto di Chiara Natoli (Libera), La solidarietà delle Edizioni La Zisa




“Piena e affettuosa vicinanza e solidarietà, da parte della direzione e dell’intero staff delle Edizioni La Zisa di Palermo, all’amica Chiara Natoli e all’associazione Libera di don Ciotti per il vile atto intimidatorio subito nei giorni scorsi. Siamo sicuri, giacché conosciamo bene Chiara e sappiamo di quale tempra è fatta, che questo gesto non la farà in alcun modo desistere dal suo quotidiano impegno a favore dell’affermazione della cultura e delle pratiche della legalità. Lei e gli amici di Libera sanno che continueremo a essere al loro fianco nella lotta per un Paese e una Sicilia migliori e finalmente affrancati dal giogo mafioso”. Lo scrive in una nota l’ufficio stampa delle Edizioni La Zisa.

martedì 12 marzo 2019

Palermo 23 marzo, Alla chiesa anglicana un incontro su migrazioni, “decreto sicurezza” del governo e disobbedienza civile






“Migranti,  ‘decreto sicurezza’ del governo Lega-5 stelle e disobbedienza civile” è il tema dell’incontro che si terrà il 23 marzo, a partire dalle ore 17, presso la chiesa anglicana “Holy cross” di via Roma 467, a PalermoLo spunto sarà offerto dall’ultimo libro della psicologa Valentina Vivona, “I mocassini di ‘Īsā”, pubblicato dalle Edizioni La Zisa, che ha la prefazione dell’ex ministro Cécile Kashetu Kyenge, e dall’appello, lanciato nei giorni scorsi dalla casa editrice palermitana, “Giustizia e umanizzare la terra” (http://edizionilazisa.blogspot.com/2019/02/giustizia-e-umanizzare-la-terra.html) che è stato già sottoscritto da diverse centinaia di esponenti della società civile e non solo, a partire dal sindaco del capoluogo siciliano, Leoluca Orlando, dal fondatore di Libera, don Luigi Ciotti, e dal vicario della comunità anglicana di Palermo, padre Russell Ruffino.

A confrontarsi su questo tema di strettissima attualità, oltre a Valentina Vivona e ai condirettori editoriali dell’Edizioni La Zisa, Giampiero Tre Re e Davide Romano, anche Francesco Campagna, console onorario del Ghana; Balla Moussa Koulibaly, migrante; Ibrahima Kobena, presidente Consulta delle Culture; Francesco Bellina, fotoreporter; e padre Russell Ruffino, teologo e vicario della parrocchia anglicana.

L’iniziativa è organizzata dalle Edizioni La Zisa, dall’associazione culturale La tenda di Abramo – Culture e religioni in dialogo e dalla Chiesa anglicana “Holy cross” di Palermo.


lunedì 11 marzo 2019

Palermo 29 marzo, Alla chiesa anglicana un pomeriggio con la poesia di Francesca Vitale e il suo “Come seme piantato alla luce dell’ultimo sole”, Edizioni La Zisa



 

Un pomeriggio interamente dedicato alla poesia in compagnia di Francesca Vitale e della sua ultima silloge dal suggestivo titolo “Come seme piantato alla luce dell’ultimo sole”, Edizioni La Zisa.

 

L’appuntamento è per venerdì 29 marzo, alle 17, presso la Chiesa anglicana di via Roma 467A, a Palermo. Insieme all’autrice: Valentina Galizzi, Anna Lane e Giampiero Tre Re. Modera Davide Romano. A fare gli onori di casa il vicario Russell Ruffino. 


venerdì 8 marzo 2019

In libreria: Giada Trapani, “Blocco zero. Poesie”, Edizioni La Zisa, pp. 96, euro 12,00




Alcune parole toccano la nostra vita con la decisione propria del­le pietre, come piccoli ciottoli rotolano sulla nostra pelle, come la­stra appuntita la feriscono; le parole possono essere come macigni e lasciarci attoniti, possono essere come marmo e diventare sculture d’arte; le parole possono essere come scogli, appigli nel mare che ci regalano salvezza, ma possono anche essere come lapidi, parole che ci tolgono quella stessa salvezza.
Le poesie di Giada Trapani sono composte da questo tipo di parole, sono versi fatti di pietre, ma più che ciottoli insignificanti esse ap­paiono come gemme preziose: per alcuni occhi potranno apparire diamanti allo stato grezzo, ma un occhio abituato alla lirica potrà accorgersi che queste gemme brillano come uno specchio che riflette l’immagine dell’autrice stessa, un’immagine composta da tante tra­sparenti facce, sfaccettature di luce, opere di rara bellezza.

Giada Trapani è nata a Palermo, ivi ha studiato pianoforte pres­so il Conservatorio di Musica Vincenzo Bellini, ha poi conseguito il Diploma di Laurea in “Canto” a indirizzo “Artistico”, l’abilitazio­ne alla Didattica Musicale Infantile e la Laurea in Filosofia presso l’Università degli Studi di Palermo, sviluppando una tesi di filosofia morale. Dopo studi concernenti tematiche ambientali e un Master in “Politiche e Strumenti di Sviluppo Sostenibile”, ha vinto una borsa di studio e ha iniziato a lavorare presso enti e aziende di settore, occu­pandosi di formazione ambientale e progettazione alla sostenibilità. Con Edizioni La Zisa ha pubblicato anche il saggio L’origine del male. Sul pensiero filosofico dell’ultimo Pareyson nel 2016.

giovedì 7 marzo 2019

Palermo 6 aprile, Giornata in ricordo di Alfio Gennaro di Medici senza frontiere

Una giornata per ricordare la figura di Alfio Gennaro, medico scomparso da qualche anno e impegnato per tutta la sua vita in Africa.  Un’iniziativa per raccoglierne e rilanciarne la preziosa eredità di attenzione e d’impegno nel Continente nero.

Appuntamento sabato 6 aprile, alle ore 16 e 30, presso la sala proiezioni dell’Istituto salesiano don Bosco Ranchibile di via Libertà 199, a Palermo.

S’inizierà con la proiezione del documentario “La sua Africa” realizzato da Vittorio Brusca e Filippo Gennaro in memoria di Alfio Gennaro. A seguire, la presentazione della riedizione del suo libro, pubblicato dalle Edizioni La Zisa, “Le radici del baobab”. A condurre la giornata, insieme alle figlie, il giornalista Davide Romano.

I proventi della vendita del volume saranno destinati all’associazione World Friends onlus (www.world-friends.it/it) per il programma Safe Motherhood, un’iniziativa sviluppata dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in collaborazione con molti partner, tra cui le Nazioni Unite (United Nations Populations Fund, UNFPA) e diverse ong, con lo scopo di promuovere la salute riproduttiva delle donne e di tutelare la maternità sicura e responsabile.

ll programma mira a garantire che tutte le adolescenti possano conoscere e avere accesso a informazioni, educazione, supporto, servizi e cure necessarie nell’ambito della salute riproduttiva.
L’obiettivo principale è quello di sviluppare strategie che rendano le adolescenti consapevoli del proprio corpo e di come averne il controllo, in modo da raggiungere un livello di salute ottimale. 

Il target del programma sono le ragazze delle scuole primarie che vivono negli slum di Nairobi. 


Il libro: Alfio Gennaro, “Alfio Gennaro, “La radice del baobab”, Prefazione di Sino Mazza, Edizioni La Zisa, pp. 128 con illustrazioni, euro 12,00

“Mi ha spinto a scrivere il bisogno di comunicare le emozioni che tante volte, nei giorni trascorsi in Africa, mi hanno scosso l’animo, nel bene e nel male. Sensazioni difficilmente esprimibili sulla carta, ma sicuramente scolpite nel cuore di chi, almeno una volta, si è trovato in quelle terre lontane. Ho sentito il bisogno di quei tanti uomini, neri o bianchi che siano, conosciuti nel mio vagabondare sulle piste africane, uomini e naturalmente anche donne, che hanno dedicato interamente la loro vita a questa terra che quasi sempre li ha ripagati offrendo loro il fascino dei suoi “ritmi d’amore”. Ricorderò proprio questi uomini e le situazioni in cui li ho conosciuti, ma principalmente cercherò di capire io stesso, mentre ve ne parlo, il segno che hanno lasciato nel mio animo. Cercherò di scoprirlo insieme a voi...”.

Alfio Gennaro, palermitano, medico specialista ginecologo, esperto di etnoantropologia africana e medicina tropicale, da oltre 28 anni viaggia in Africa nelle regioni più remote venendo a contatto con le tribù più primitive. Ha collaborato con il Touring Club Italiano e il Touring Club Suisse rispettivamente per l’aggiornamento di “Africa facile e no” e “Transafrique”. In occasione della Medivacanze 1984 ha allestito una mostra etnologica e presentato alcuni documentari cinematografici di suoi viaggi africani, sponsor la British Leyland. Presso il Laboratorio d’If in collaborazione con Lega Ambiente e Cooperazione Internazionale Sud Sud ha presentato i cortometraggi L’inquinamento del fiume Athi e L’Occidente inquina l’Africa (Kenia 1987). Da nove anni si occupa quasi esclusivamente delle tradizioni e dei popoli dell’Etiopia su cui sta realizzando dei cortometraggi. Ha concluso la sua esistenza lavorando in Africa negli ultimi anni per Medici senza frontiere.

venerdì 1 marzo 2019

In libreria la silloge di Anna Perrone, “Scintille”, Edizioni La Zisa, pp. 48, euro 8,00


«Una delle imprese più difficili è descrivere se stessi.
Forse per questo sono stati scritti tanti libri.
Io adesso sto cercando di scrivere un libro su me stessa, sul mistero di chi siamo in quanto singoli, di tutta l’importanza che ci diamo… e perché forse ce l’abbiamo… qualsiasi sia la sto­ria che ci raccontiamo.
Ho cinquantadue anni e molte cose le sto capendo solo adesso che sono appena uscita dall’adolescenza, con non poca fatica, lo ammetto… Ma arriva un momento che ti facilita, e la vita fluisce meglio perché tu hai deciso così e con le redini sproni o freni e ti godi una perfetta cavalcata nella prateria… libera…
Ho studiato filosofia e lo faccio ancora… Lavoro nel “broke­raggio” assicurativo, non so scolpire né dipingere né suonare strumenti, quindi provo a usare la parola per allineare altri mondi e per cercare di creare il mio David… così come gli dei hanno creato noi… Nominandoci…
Adoro le arti marziali, le arti in genere, lo studio, il silenzio an­che se sono famosa per i miei monologhi spaziali… sono toro, con luna leone e ascendente pesci… Carte e tarocchi in regola.
Ma ora basta… Dovevo essere breve».
(L'Autrice)