lunedì 19 novembre 2018

Trent’anni di-versi… Le Edizioni La Zisa festeggiano tre decenni di poesia a Palermo!




Una festa per celebrare e ricordare trent’anni di attività editoriale a Palermo con una particolare attenzione al mondo della poesia, purtroppo ancora assai trascurato nel nostro Paese, con una particolare attenzione alle nuove voci, senza dimenticare i grandi autori del passato più o meno recente.

Le Edizioni la Zisa, nate nel 1988 e con un ricco catalogo all’attivo, danno appuntamento, insieme ai propri autori, il 30 novembre, a partire dalle ore 17, presso la storica libreria Sciuti di Palermo (sita in via Giuseppe Sciuti, 91/F), per un pomeriggio all’insegna della poesia fra letture e incontri. Non mancherà un buon bicchiere di vino…  

martedì 13 novembre 2018

“Grazie per il libro su don Pino Puglisi!”. Il Vaticano scrive alle Edizioni la Zisa



Non è una vera e propria corrispondenza ma il segno di un’affettuosa attenzione con la quale la Sede apostolica segue l’attività della nostra piccola ma battagliera casa editrice”. Commenta così, con una cera ironia, Davide Romano, giornalista e direttore editoriale della casa editrice La Zisa di Palermo, l’arrivo in casa editrice, nei giorni scorsi, di una missiva da parte delle Segreteria di Stato vaticana con la quale papa Francesco, attraverso la penna di un suo collaboratore, ringraziava per il dono del volume di Federica Raccuglia, “L’uomo del dialogo contro la mafia. La storia di padre Pino Puglisi” (Prefazione di mons. Giancarlo Maria Bregantini), pubblicato dalla casa editrice siciliana.

“È la quarta lettera che ci arriva dal Vaticano – aggiunge Romano -, la seconda da questo pontefice, ma questa è assai particolare perché cade nell’anno del nostro trentesimo anniversario di attività nel panorama editoriale italiano. Oltre a ringraziarci per il volume, il pontefice esprime nei nostro confronti ‘viva riconoscenza’ e c’invia la sua benedizione, ‘pegno di abbondanti grazie celesti’, con uno speciale incoraggiamento a proseguire nel  nostro impegnativo ed esaltante, ma talvolta assai faticoso, lavoro”.



Viene dall’Africa la prima «Dichiarazione» sui diritti umani. La prefazione di Cécile Kyenge a un libro che narra il dramma dell’allontanamento dalla propria terra (Riforma, 26 ottobre 2018)




Il testo che segue è la presentazione, a firma di Cécile Kashetu Kyenge, eurodeputata ed ex ministro, al libro I mocassini di ‘Īsā, di Valentina Vivona. Palermo, La Zisa, 2018, pp. 92, euro 9,90.

Il dolore di partire con il ritorno nel cuore. Il dolore che ci costringe a lasciare la nostra terra. Il dolore del viaggio. Un dramma che porta con sé, però, la speranza racchiusa nel significato della vita stessa che torna alla luce. Queste pagine ci accompagnano nel lungo percorso umano di chi migrando ha cercato la luce: storie di violenza e soprusi di chi è sfuggito ai propri carnefici. Una narrazione intima, attraverso gli occhi dell’autrice, in un cammino comune, personale, dalla decostruzione di certezze alla costruzione di una nuova consapevolezza e fede verso l’essere umano. I Diritti Umani sono il filo che riunisce il tutto. Nella dignità dell’individuo riscopriamo la nostra dimensione sociale, tornando a essere comunità, membri tutti della famiglia umana. Un concetto racchiuso nel senso profondo della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, che trova le ragioni della sua universalità nella tensione che ogni comunità e società ha avuto verso questi princìpi.

Fu l’Africa a darci la prima Dichiarazione dei Diritti Umani della storia. Per volere dell’imperatore del Mali, Soundiata KeÏta, già nel 1222 la Carta Manden si rivolgeva ai quattro angoli del mondo, abolendo la schiavitù e sancendo il rispetto della vita umana e della libertà, la giustizia, l’equità, la solidarietà. Nonostante, dunque, violenze, pregiudizi, discriminazioni, schiavitù e razzismo siano sopravvissuti, talvolta nascondendosi dietro la maschera deformante di culture, tradizioni o religioni, i diritti dell’Uomo rimangono inalienabili, tali e immutati. Parte essenziale del nostro essere. Ecco, perciò, che comprendere l’altro assume un diverso significato, diventando la ricerca di sé nel prossimo. L’interazione diventa somma e non sottrazione. In un’epoca di incertezze e smarrimenti valoriali, qual è quella che oggi stiamo vivendo, il viaggio, attraverso cui Valentina Vivona ci conduce, ci insegna la speranza, unico vero motore positivo dell’azione umana.

giovedì 8 novembre 2018

Palermo venerdì 9 novembre, Alla Real Fonderia presentazione del libro di Maria Costanza, “Semu ricchi e altre poesie (in dialetto siciliano)”, Edizioni la Zisa




Presentazione venerdì 9 novembre, alle 17, presso la Real Fonderia,  sita nell’omonima piazza, a Palermo, della silloge di Maria Costanza “Semu ricchi e altre poesie (in dialetto siciliano)”, Edizioni La Zisa. Interverranno, insieme all’autrice, Alfredo Sant’Angelo e Totò Lucania.


Il libreria: Maria Costanza, “Semu ricchi e altre poesie (in dialetto siciliano)”, prefazione di Letizia Passarello, Edizioni La Zisa, pp. 80, euro 8,00

Dall’incanto per la fioritura della vita a primavera, al ritratto ironico dei costumi moderni, questa raccolta di poesie celebra la bellezza dell’esistenza nella molteplicità delle sue forme e variazioni. Il divenire delle cose, attraverso l’inesorabile scorrere del tempo, muove la scrittrice al verso, rigorosamente cantato in dialetto siciliano. Immerso in questo scenario sonoro, il lettore potrà assistere all’appassionato racconto di tradizioni e luoghi, di significati e memorie.


Maria Costanza è nata ad Agrigento e per motivi di studio, all’età di diciotto anni, si trasferisce a Palermo, città dove ha svolto l’attività di docente di lettere e dove risiede tuttora. Introdotta dal padre, anche lui poeta, alla ricerca del bello, ha pubblicato presso la Montedit, nella collana Le Schegge d’Oro, la silloge Meditazioni poetiche, arrivando finalista nel concorso letterario “Il giro d’Italia delle poesie in cornice 2005”.

mercoledì 24 ottobre 2018

Palermo 26 ottobre, Alla Real Fonderia presentazione della silloge in “lingua” siciliana di Valeria Mandalà, “Ti cuntu ‘u cuntu, si ni vò fari cuntu… “, Edizioni La Zisa



Presentazione venerdì26 ottobre, alle 17, presso la Real Fonderia a piazza Fonderia, a Palermo, del la silloge in “lingua” siciliana di Valeria Mandalà, “Ti cuntu ‘u cuntu, si ni vò fari cuntu… “, Edizioni La Zisa. Converserà con l’autrice: Gabriella Mangiapane. Alcuni versi verranno letti dall'attrice Patrizia Franco.


Il libro: Valeria Mandalà, “Ti cuntu ‘u cuntu, si ni vò fari cuntu… “, Edizioni La Zisa (Isbn ISBN 978-88-31990-06-6)


“U Cuntu” di Valeria Mandalà è una dichiarazione d’amore in versi per la Sicilia. Le poesie, in dialetto palermitano, sono divise in tre sezioni: Natura e Sintimientu, Sicilia adurata, priestu cuntata e Stuori ri gienti. La Natura di cui si parla, non è solo quella dei paesaggi arsi, del mare attratto e respinto dalle rive, è anche la natura dei monumenti, delle strade di Palermo e provincia: una natura urbana impregnata di Storia e leggende popolari. Le poesie dell’autrice tracciano una mappa poetica dell’Isola raccontando con occhi sinceri e pieni di meraviglia il legame di sangue con la propria terra. I versi richiamano alla luce, al vento e al fuoco, all’anelito costante per la Bellezza che chi è nato in Sicilia porta sulla pelle come una firma.

Valeria Mandalà nasce a Trento nel 1973 da genitori palermitani. Nel 1998 si laurea in Lingue e Letterature inglese e tedesca all’Università degli Studi di Palermo. Dal 2002 è docente di Scuola dell’Infanzia presso la D.D. Alcide De Gasperi di Capaci. È amministratrice e redattrice di due pagine Instagram (@ig_panormus; @ig_sicily) e Facebook (Ig_sicilians) dedicate alle foto di Palermo e della Sicilia.

venerdì 19 ottobre 2018

In arrivo fra gli scaffali delle librerie l’esilarante saggio di Cristina Cortese, “Ci voli furtuna ni la vita. Perché non importa dove vivi ma dove sei nato”, pp. 96, euro 9,90






“‘Ribera è una piccola città situata nella Sicilia sud-occidentale’.
Queste sono le prime nozioni che abbiamo imparato. Que­sto ci ha aiutato anche a scuola, soprattutto nello studio delle lingue straniere. “Ribera is a small town situated in the west-south part of Sicily”. Non ci siamo mai azzardati ad aggiungere altro, non ne saremmo stati capaci.
Questa è l’occasione giusta per raccontare di Ribera, ma vo­glio mettermi alla prova. Sarebbe facile menzionare le nostre famose arance, il Castello di Poggiodiana, e cosa significhi ‘Allavam Signat Alba’ (non credo di saperlo con certezza). Sareb­be altrettanto facile informare del fatto che Ribera abbia dato i natali allo statista Francesco Crispi. Lungi da me chiedervi in che epoca sia vissuto e per quali gesta si sia contraddistinto. So per certo che non ha costruito quasi tutte le scuole della nostra città e, recentemente, ho scoperto il nome della moglie grazie alla statua in bronzo presente in piazza Giovanni XXIII.
Quello che farò sarà descrivere i riberesi. Mi soffermerò sui nostri modi di agire, di parlare, di pensare. Scriverò delle no­stre abitudini, e dei nostri difetti”. (Dall’Introduzione dell’autrice)


Cristina Cortese, trentacinque anni, è nata a Ribera, in provincia di Palermo. Dopo essersi diplomata al liceo scientifico, decide di lasciare la sua cittadina per frequentare l’università. Prima a Perugia, dove consegue la laurea triennale in Comunicazioni Internazionali, e poi a Pisa, dove frequenta la specialistica in Relazioni Internazionali presso la facoltà di Scinze politiche.
Non avendo mai sviluppato particolari attitudini verso lo sport, fin da giovane coltiva un hobby che non include alcuno sforzo fisico: scrivere.


In arrivo in libreria la silloge di poesie di Corrado Olivieri Sangiacomo, “Risonanze”, Edizioni La Zisa, pp. 68, euro 10,00




Spesso si pensa alle poesie come parole complesse e irraggiungibili, tecnica espressiva apprezzata da pochi e, da ancora meno, composta. Tuttavia Corrado Olivieri Sangiacomo dimostra con questi brevi com­ponimenti che la poesia è nella semplicità di ogni giorno, nel tempo che accompagna la vita di ogni persona, nei momenti che caratterizza­no la vita di ognuno, perché è nel particolare che si trova l’universale e con queste rime si racconta la realtà del mondo intero vista da due oc­chi, quelli che potrebbero essere di ognuno, ma sono di uno soltanto.

Corrado Olivieri Sangiacomo è nato a Roma nel 1932, si è laureato in Medicina alla Sapienza nel novembre 1956; poi si è specializzato in En­docrinologia, Radiologia e Gastroenterologia.
Oltre a essere medico, Corrado Olivieri San­giacomo diventa libero docente in Istologia ed Embriologia generale, ma non solo: sarà strut­turato anche come professore associato e direttore dell’Istituto di Biolo­gia Generale nella facoltà di Medicina dell’Università Cattolica del Sacro Cuore negli anni che vanno dal 1970 al 2000. Nella sua carriera me­dico-scientifica si qualifica anche come microscopista elettronico, con produzione di numerose pubblicazioni anche a livello internazionale.
Da una decina di anni, dando alla luce quel Germe poetico, ha pubbli­cato, collaborando con altri autori, ne Il Federiciano (2015 e ristampa nel 2016), e in cet. Scuola autori di Mogol (2016) con la casa editrice Aletti. Con la casa editrice Pagine, invece, ha collaborato in qualità di autore, alle pubblicazioni di Approdi (2015), Navigare (2016), Colori (2017), Messaggi (2017), La vita e oltre (2017) e Magnolia (2018).


venerdì 12 ottobre 2018

In libreria: Carmela Eleonora Amato, “Pensieri liberi. Poesie”, Edizioni La Zisa, pp. 48, euro 8,00




Un poeta porta i segni del mondo addosso. La sua sensibilità è un dono speciale, una sorta di abilità che lo rende più ricettivo degli altri. Questi vivono come se fossero perennemente distanti, al di là di porte chiuse che si impongono fra il poeta e gli altri del mondo. È proprio attraverso la poesia, invece, che le barriere si frantumano e la sensibilità del poeta può entrare in contatto con quella degli altri. Così Carmela Eleonora Amato, grazie alle sue liriche, vuole comunicare vari messaggi e stati d’animo. Non importa cosa avverrà ai lettori, agli altri del mondo, non importa delle scosse, dei sorrisi o delle lacrime; sia nel bene che nel male ne usciranno sempre e comunque arricchiti.

Carmela Eleonora Amato è nata nel 1986 in Germania, vive a Palermo. La sua formazione in pedagogia, le ha permesso di lavorare in comunità per minori stranieri e nelle scuole elementari. La sua vita privata ha influito sulla crescita spirituale; mettendosi in situazioni difficili è riuscita a superarle con risolutezza. Da queste esperienze, la voglia di scrivere poesie per esprimere ciò che ha dentro e farlo conoscere agli altri.

Palermo venerdì 19 ottobre, Alla chiesa anglicana un caffè con… padre Pino Puglisi raccontato dalla giornalista Federica Raccuglia



Riprendono gli appuntamenti culturali mensili presso la chiesa anglicana “Santa Croce” di  via Roma 467A, a Palermo.  S’incomincia venerdì 19 ottobre, alle ore 17, pressoi i locali con un caffè con… padre Pino Puglisi raccontato dalla giornalista Federica Raccuglia, autrice del saggio, appena mandato in libreria dalle Edizioni La Zisa, “L’uomo del dialogo contro la mafia. La storia di padre Pino Puglisi” (prefazione di mons. Giancarlo Maria Bregantini). Sorbendo un ottimo espresso e gustando degli squisiti biscotti, ne discuteranno con l’autrice: Russell Ruffino, pastore anglicano e parroco della chiesa “Santa Croce”; Giampiero Tre Re, teologo cattolico; suor Fernanda di Monte, giornalista e responsabile eventi Librerie Paoline di Palermo; e Davide Romano, direttore editoriale delle Edizioni La Zisa e presidente dell’associazione La Tenda di Abramo – Culture e religioni in dialogo. L’ingresso è gratuito.



Il libro: Federica Raccuglia, “L’uomo del dialogo contro la mafia. La storia di padre Pino Puglisi”, Prefazione di mons. Giancarlo Maria Bregantini, Edizioni La Zisa, pp. 200, euro 15,00



La vicenda di padre Pino Puglisi, nel tempo, è stata fonte di studi, inchieste, romanzi, film; tutte produzioni necessarie per mantenerne vivido il ricordo, per trasmettere un prezioso modello di vita alle nuove generazioni. Questo saggio si va a inserire nell’insieme di tale produzione creandosi uno spazio particolare. La vicenda di don Pino viene ripercorsa in modo dettagliato grazie a vari contributi originali, testimonianze e interviste. Il leitmotiv teorico è la riflessione linguistico-pedagogica su padre Puglisi, il quale ha tentato di dialogare con la mafia utilizzando un codice a essa sconosciuto: la parola. Codice intraducibile per individui che hanno scelto di abitare un mondo in cui le sole cornici interpretative sono intimidazione, violenza e morte. Secondo Lev Semënovič Vygotskij, la parola nasce prima del pensiero, il bambino impara a nominare le cose prima di conoscerle, ed è proprio il linguaggio a determinare la sua conoscenza e coscienza del mondo. Padre Puglisi ha dato la vita per la fede in questo principio, per le parole prima di tutto.

Federica Raccuglia è nata nel 1990 a Palermo. Giornalista pubblicista, scrive per “Si24.it” e “Il Giornale di Sicilia”. Cura diversi uffici stampa e conduce un programma di attualità e intrattenimento sulla web tv “Feel Rouge tv”. Nel 2012 ha conseguito la laurea triennale in “Giornalismo per uffici stampa” all’Università degli Studi di Palermo e nel 2014 la laurea magistrale in “Scienze dell’Informazione, della Comu­nicazione e dell’Editoria” presso l’Università degli Studi di Tor Vergata.


giovedì 27 settembre 2018

In arrivo in libreria il romanzo fantasy del giovanissimo ma talentuosissimo Giacomo Evola, “Arret: La Terra”, Edizioni La Zisa, pp. 360, euro 16,00





Alex è un orfano di sedici anni che vive con la nonna Sarah in una piccola cittadina. Nonostante l’affetto dell’anziana signora, Alex ha sempre avuto l’impressione di sentirsi solo, fuori posto, diverso dagli altri, senza comprendere mai l’origine di questo senso di inadeguatezza. Tutto cambia quando due giovani, Rick e Lya, decidono di adottarlo per offrirgli un futuro migliore. Da questo momento in poi, Alex scopre verità che vanno al di là di ogni sua immaginazione: la Terra, non è l’unica dimensio­ne concepibile. Esiste un’altra realtà abitata da maghi, streghe e creature fantastiche chiamata “Arret” e che anticamente fu divisa dalla Terra per riuscire a proteggere gli umani da coloro dotati di poteri magici. Alex scopre di essere nato su Arret e di possedere la magia. Insieme a Rick e Lya intraprende un lungo viaggio per le regioni pericolose e inospitali di Arret, incontran­do ostacoli, bizzarrie magiche e mostri incantati che lo avvicina­no sempre più alla verità circa la morte dei suoi genitori.


Giacomo Evola è nato a Palermo nel 2000. Frequenta attualmente l’ultimo anno del liceo scientifico, scelta dettata dalla passione per la biologia e le scienze naturali. Arret: La Terra è il suo primo romanzo.



giovedì 20 settembre 2018

Palermo giovedì 27 settembre, Alla Bottega di Libera si presenta il saggio di Federica Raccuglia, “L’uomo del dialogo contro la mafia. La storia di padre Pino Puglisi”, Edizioni La Zisa




Appuntamento giovedì 27 settembre, alle ore 17 e 30, presso la Bottega I Sapori ed i Saperi della Legalità di Libera, a piazza Castelnuovo 13, a Palermo, per la presentazione del saggio della giornalista Federica Raccuglia, “L’uomo del dialogo contro la mafia. La storia di padre Pino Puglisi”, prefazione di mons. Giancarlo Maria Bregantini, Edizioni La Zisa


Insieme all’autrice, interverranno: Gregorio Porcaro, collaboratore di padre Pino Puglisi e coordinatore regionale di Libera; Giampiero Tre Re, teologo; e Pino Martinez, storico collaboratore e amico di don Pino Puglisi e componente del Comitato Intercondominiale di Brancaccio. Modererà l’incontro Davide Romano, giornalista ed editore.


Il libro: Federica Raccuglia, “L’uomo del dialogo contro la mafia. La storia di padre Pino Puglisi”, Prefazione di mons. Giancarlo Maria Bregantini, Edizioni La Zisa, pp. 200, euro 15,00

La vicenda di padre Pino Puglisi, nel tempo, è stata fonte di studi, inchieste, romanzi, film; tutte produzioni necessarie per mantenerne vivido il ricordo, per trasmettere un prezioso modello di vita alle nuove generazioni. Questo saggio si va a inserire nell’insieme di tale produzione creandosi uno spazio particolare. La vicenda di don Pino viene ripercorsa in modo dettagliato grazie a vari contributi originali, testimonianze e interviste. Il leitmotiv teorico è la riflessione linguistico-pedagogica su padre Puglisi, il quale ha tentato di dialogare con la mafia utilizzando un codice a essa sconosciuto: la parola. Codice intraducibile per individui che hanno scelto di abitare un mondo in cui le sole cornici interpretative sono intimidazione, violenza e morte. Secondo Lev Semënovič Vygotskij, la parola nasce prima del pensiero, il bambino impara a nominare le cose prima di conoscerle, ed è proprio il linguaggio a determinare la sua conoscenza e coscienza del mondo. Padre Puglisi ha dato la vita per la fede in questo principio, per le parole prima di tutto.

Federica Raccuglia è nata nel 1990 a Palermo. Giornalista pubblicista, scrive per “Si24.it” e “Il Giornale di Sicilia”. Cura diversi uffici stampa e conduce un programma di attualità e intrattenimento sulla web tv “Feel Rouge tv”. Nel 2012 ha conseguito la laurea triennale in “Giornalismo per uffici stampa” all’Università degli Studi di Palermo e nel 2014 la laurea magistrale in “Scienze dell’Informazione, della Comu­nicazione e dell’Editoria” presso l’Università degli Studi di Tor Vergata.

venerdì 14 settembre 2018

A breve fra gli scaffali delle librerie italiane la silloge poetica di Francesco Porretto, “Da un cuore di padre”, Edizioni La Zisa, pp. 66, euro 12,00






Una raccolta di liriche impreziosita da una prosa poetica, Spensierando, compongono il dettato sentimentale di Porretto. Ogni poesia è un estratto di vita vera con le sue gioie e dolori, accolti en­trambi senza riserve per la fede incrollabile in Dio, nella famiglia e nel lavoro. Un padre mette a nudo il suo cuore e dona al figlio la sua vita in versi: le esperienze che lo hanno reso l’uomo che è adesso, gli errori, i rimpianti, ma anche i traguardi raggiunti, le speranze per il futuro. Un ponte fra due generazioni, una sincera missiva da un cuore all’altro per tentare di camminare insieme attraverso i sentieri della vita con passo sicuro e pieno di fiducia, l’uno sorreggendo l’altro.

Francesco Porretto nasce a Palermo nel 1963. Dopo il diploma all’Istituto Nautico di Palermo, svolge vari lavori sia in Italia che all’estero, sia in mare che in terra, ricevendo il titolo di Capitano di lungo Corso. È docente annuale all’Istituto Nautico e impiegato postale da più di vent’anni.



giovedì 6 settembre 2018

Arriva in libreria il volume di Barbara Cucinella, “Taste of America. Un viaggio 'coast to coast' fra ricette, curiosità, tradizione e storia”, Presentazione di Carlos Omobono, Edizioni La Zisa, pp. 140, euro 14,00




Questo testo è più di un semplice libro di ricette. Attraverso la travolgente narrazione di usi e consuetudini, di antiche tradizioni e curiosità culinarie, il lettore è chiamato a intraprendere un vero e proprio viaggio oltreoceano. Si andrà alla scoperta della cucina americana partendo dalle ex colonie della costa Atlantica procedendo verso ovest sulla celebre Route 66, componendo così un crogiolo di sapori e culture.

Barbara Cucinella è nata a New York e si è laureata in Pedagogia alla St. John’s University. Vive a Palermo e lavora da oltre vent’anni per il Dipartimento di Stato Americano. Ha fondato il British Institutes of Palermo e insegnato presso la facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Palermo.
Nel tempo libero ama cucinare ricette della tradizione americana per la famiglia e gli amici. 

lunedì 3 settembre 2018

Palermo 13 settembre, Alla Libreria del mare si presenta il saggio di Federica Raccuglia, “L’uomo del dialogo contro la mafia. La storia di padre Pino Puglisi” (Ed. La Zisa)



In occasione della visita di papa Francesco a Palermo, giovedì 13 settembre, alle ore 17 e 30, presso la Libreria del mare di via Cala 50, si presenta  il saggio della giornalista Federica Raccuglia, “L’uomo del dialogo contro la mafia. La storia di padre Pino Puglisi”, pubblicato dalle Edizioni La Zisa. Ne parleranno con l’autrice Giampiero Tre Re, teologo; e Pino Martinez, storico collaboratore e amico di don Pino Puglisi e componente del Comitato Intercondominiale di Brancaccio. Modererà l’incontro Davide Romano, giornalista ed editore.

 

 

Il libro: Federica Raccuglia, “L’uomo del dialogo contro la mafia. La storia di padre Pino Puglisi”, Prefazione di mons. Giancarlo Maria Bregantini, Edizioni La Zisa, pp. 200, euro 15,00


La vicenda di padre Pino Puglisi, nel tempo, è stata fonte di studi, inchieste, romanzi, film; tutte produzioni necessarie per mantenerne vivido il ricordo, per trasmettere un prezioso modello di vita alle nuove generazioni. Questo saggio si va a inserire nell’insieme di tale produzione creandosi uno spazio particolare. La vicenda di don Pino viene ripercorsa in modo dettagliato grazie a vari contributi originali, testimonianze e interviste. Il leitmotiv teorico è la riflessione linguistico-pedagogica su padre Puglisi, il quale ha tentato di dialogare con la mafia utilizzando un codice a essa sconosciuto: la parola. Codice intraducibile per individui che hanno scelto di abitare un mondo in cui le sole cornici interpretative sono intimidazione, violenza e morte. Secondo Lev Semënovič Vygotskij, la parola nasce prima del pensiero, il bambino impara a nominare le cose prima di conoscerle, ed è proprio il linguaggio a determinare la sua conoscenza e coscienza del mondo. Padre Puglisi ha dato la vita per la fede in questo principio, per le parole prima di tutto.

Federica Raccuglia è nata nel 1990 a Palermo. Giornalista pubblicista, scrive per “Si24.it” e “Il Giornale di Sicilia”. Cura diversi uffici stampa e conduce un programma di attualità e intrattenimento sulla web tv “Feel Rouge tv”. Nel 2012 ha conseguito la laurea triennale in “Giornalismo per uffici stampa” all’Università degli Studi di Palermo e nel 2014 la laurea magistrale in “Scienze dell’Informazione, della Comu­nicazione e dell’Editoria” presso l’Università degli Studi di Tor Vergata.

lunedì 16 luglio 2018

Palermo 21 luglio, Presentazione libro "Follow the money. Sulle tracce di Giorgio Boris giuliano" di Valeria Siragusa (Edizioni La Zisa)




In occasione del 39esimo anniversario della morte del Capo della Squadra Mobile di Palermo, Boris Giuliano, il 21 luglio alle ore 18 alla Biblioteca regionale siciliana “ A. Bombace” in Corso Vittorio Emanuele n. 429-431 a Palermo sarà presentato in anteprima nazionale “Follow the money. Sulle tracce di Giorgio Boris Giuliano", scritto da Valeria Maria Paola Siragusa, Edizioni La Zisa. Interverranno: Renato Cortese, Questore di Palermo che ha anche curato la prefazione del libro, Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo, Giulio Francese, presidente dell'OdG Sicilia e Ivan D'Anna, poliziotto e ex componente della Catturandi nonché scrittore. Presente l’autrice. Il dibattito sarà moderato dalla giornalista, Ambra Drago.Sinossi
Non un romanzo, non un saggio, "Follow the Money" vuole essere un monito per i lettori a fare tesoro del proprio passato per recuperare un senso di appartenenza e comunità. Giorgio Boris Giuliano, cui questo libro è dedicato, capo della Squadra Mobile di Palermo, barbaramente ucciso alle spalle dalla mano vigliacca di Leoluca Bagarella il 21 luglio del 1979, è un giusto, insieme a tutti quei giusti che ci hanno lasciato in eredità una grande lezione di vita, generosità, operosità a tutti i costi e senza sconti nella legalità e nella compassione per il prossimo, e che ci consegnano, con la loro vita, preziose lezioni di comportamento.
Il libro è una raccolta di memorie e di ricordi personali di chi ha vissuto a fianco del vice Questore Boris Giuliano, di chi ne ha raccolto gli insegnamenti. Memorie di chi gli è stato sentimentalmente vicino: la famiglia, gli amici, i suoi figli, privati del padre, troppo presto.
Con gli occhi e le parole di un giornalista, una figura retorica che ricalca le orme del narratore fittizio, ognuno di noi è accompagnato a incontrare i co-protagonisti di questa storia vera attraverso le immagini di Palermo, in una lunga passeggiata attraverso le sue contraddizioni evidenti e, infine, la meta di questa fatica sarà un regalo prezioso fatto di memorie, ricordi, emozioni.

Valeria Maria Paola Siragusa, classe 71’ studi umanistici, lettrice e scrittrice per diletto più che per mestiere, alimenta la scrittura e allena la sua passione per la parola, misurandosi anche con scritture brevi, poesie e testi per canzoni.
Nel 2008 scrive Lamentu per la morte di Peppino Impastato che diventa uno spettacolo teatrale.
Nel 2010 scrive Terraomedine Safar testo per uno spettacolo musicale messo in scena da I Kajorda - gruppo musicale folk della realtà palermitana.
Lo stesso anno compone “ Close to the befinning of the Aquarium age” canzone dei titoli di coda di Sopralluoghi per un film su un poliziotto ucciso, a seguire scrive altri sette testi di canzoni.
Nel 2011 per non perdere la memoria e il ricco patrimonio di testimonianze raccolte per Sopralluoghi per un film su un poliziotto ucciso, lavora a “Il viaggio di Marcello” che diventerà “ Follow the Money”.

Arriva in libreria: Valeria Maria Paola Siragusa, “Follow the Money. Sulle tracce di Giorgio Boris Giuliano, poliziotto a Palermo”, Edizioni La Zisa, pp. 250, euro 15,00




Non un romanzo, non un saggio, Follow the Money vuole essere un monito per i lettori a fare tesoro del proprio passato per recuperare un senso di appar­tenenza e comunità.
Giorgio Boris Giuliano, cui questo libro è dedicato, capo della Squadra Mobi­le di Palermo, barbaramente ucciso alle spalle dalla mano vigliacca di Leoluca Bagarella il 21 luglio del 1979, è un giusto, insieme a tutti quei giusti che ci hanno lasciato in eredità una grande lezione di vita, generosità, operosità a tutti i costi e senza sconti nella legalità e nella compassione per il prossimo, e che ci consegnano, con la loro vita, preziose lezioni di comportamento.
Il libro è una raccolta di memorie e di ricordi personali di chi ha vissuto a fianco del Vice Questore Boris Giuliano, di chi ne ha raccolto gli insegnamenti. Memorie di chi gli è stato sentimentalmente vicino: la famiglia, gli amici, i suoi figli, privati del padre, troppo presto.
Con gli occhi e le parole di un giornalista, una figura retorica che ricalca le orme del narratore fittizio, ognuno di noi è accompagnato a incontrare i co-protagonisti di questa storia vera attraverso le immagini di Palermo, in una lunga passeggiata attraverso le sue contraddizioni evidenti e, infine, la meta di questa fatica sarà un regalo prezioso fatto di memorie, ricordi, emozioni.


Valeria Maria Paola Siragusa, classe ’71, segue studi umanistici; lettrice e scrittrice, per diletto personale, più che per mestiere, alimenta e allena una passione per la parola e per scritture brevi, poesie, testi per canzoni.
Nel 2008 scrive Lamentu per la morte di Peppino Impastato che diventa anche spettacolo teatrale.
Nel 2010 scrive Terraomedine Safar, testo per uno spettacolo musicale messo in scena da “I Kajorda”, gruppo musicale folk della realtà palermitana.
Nel 2010 scrive Close to the beginning of the Aquarian age, canzone dei titoli di coda del film Sopralluoghi per un film su un poliziotto ucciso, a seguire scrive altri sette testi per canzoni, in lingua inglese.
Nel 2011, per non perdere la memoria delle testimonianze raccolte durante la lavorazione del film Sopralluoghi, inizia a lavorare su Il viaggio di Marcello, nel 2018 è diventato Follow the Money.



In occasione della visita di papa Francesco a Palermo, arriva in libreria il saggio di Federica Raccuglia, “L’uomo del dialogo contro la mafia. La storia di padre Pino Puglisi”, Prefazione di mons. Giancarlo Maria Bregantini, Edizioni La Zisa, pp. 200, euro 15,00






La vicenda di padre Pino Puglisi, nel tempo, è stata fonte di studi, inchieste, romanzi, film; tutte produzioni necessarie per mantenerne vivido il ricordo, per trasmettere un prezioso modello di vita alle nuove generazioni. Questo saggio si va a inserire nell’insieme di tale produzione creandosi uno spazio particolare. La vicenda di don Pino viene ripercorsa in modo dettagliato grazie a vari contributi originali, testimonianze e interviste. Il leitmotiv teorico è la riflessione linguistico-pedagogica su padre Puglisi, il quale ha tentato di dialogare con la mafia utilizzando un codice a essa sconosciuto: la parola. Codice intraducibile per individui che hanno scelto di abitare un mondo in cui le sole cornici interpretative sono intimidazione, violenza e morte. Secondo Lev Semënovič Vygotskij, la parola nasce prima del pensiero, il bambino impara a nominare le cose prima di conoscerle, ed è proprio il linguaggio a determinare la sua conoscenza e coscienza del mondo. Padre Puglisi ha dato la vita per la fede in questo principio, per le parole prima di tutto.

Federica Raccuglia è nata nel 1990 a Palermo. Giornalista pubblicista, scrive per “Si24.it” e “Il Giornale di Sicilia”. Cura diversi uffici stampa e conduce un programma di attualità e intrattenimento sulla web tv “Feel Rouge tv”. Nel 2012 ha conseguito la laurea triennale in “Giornalismo per uffici stampa” all’Università degli Studi di Palermo e nel 2014 la laurea magistrale in “Scienze dell’Informazione, della Comu­nicazione e dell’Editoria” presso l’Università degli Studi di Tor Vergata.



Arriva in libreria: Antonino Romano, “Nel mio silenzio. Poesie”, Edizioni La Zisa, pp. 72, € 9,90



Il canto del poeta parla col silenzio quando la vita sembra ferire più del necessario con le sue prove. Come il celebre Albatros che cammina goffamente a terra fra gli altri uomini poiché conformato fisicamente per solcare i cieli con le sue grandi ali, la sensibilità di Romano sembra trovare la sua forma genetica nel silenzio e nella solitudine della dimensione poetica. Nei versi, l’autore crea e descrive il suo particolare luogo dell’anima in cui abitare; un rifugio dai rumori assordanti della vita, dell’amore, della morte. Un luogo da cui poter guardare il mondo dall’alto e ricominciare a volare.

Antonino Romano è nato a Palermo il 10 giugno 1977. Sposato e padre di due bellissimi gemellini, da sempre ha mostrato interesse per gli studi umanistici. Si è dedicato dapprima a quelli giuridici, poi a quelli filosofici, per approdare, infine, con questa opera prima, all’altro amore: la scrittura e la poesia.


mercoledì 11 luglio 2018

“Il coraggio degli uomini” di NICO PARENTE (LEGGERE TUTTI N.122, GIUGNO-LUGLIO 2018, 52)




Recensione del volume curato da ERNESTO DE CRISTOFARO, “Le verità nascoste. Da Aldo Moro a Piersanti Mattarella e Pio La Torre”, con la partecipazione di Antonio Fisichella, Edizioni La Zisa, pp. 156, euro 14,90

Piersanti Mattarella e Pio La Torre. Due rappresentanti di opposte fazioni, ma uniti da un solo credo: la lotta a Cosa Nostra. DC il primo, comunista l’altro. Due posizioni da sempre in conflitto eppure unite, in quella terra di Sicilia dove lo Stato porta il nome di spietati criminali i quali, colti da delirio di onnipotenza e con la complicità dei poteri forti presenti in parlamento, hanno seminato panico e sangue per decenni attuando la così ribattezzata “strategia della tensione”. Due vittime, prima che di mafia, dello Stato, che li ha abbandonati come tanti altri. Non è un caso se il volume curato da Ernesto De Cristofaro con la partecipazione di Antonio Fisichella ha per incipit il delitto Moro, apripista di un oscuro intreccio tra Stato e gruppi armati, tra politica e terrorismo. Già, perché con il termine terrorismo non intendiamo soltanto mani armate al servizio della politica o della religione, bensì tutte quelle organizzazioni che attraverso la violenza mirano alla realizzazione dei propri obiettivi.

Una raccolta di saggi che vogliono far luce sul ruolo fondamentale di questi uomini di Stato, ma che non tralasciano altri martiri: Peppino Impastato, Falcone e Borsellino, Dalla Chiesa. Un omaggio all’impegno e al coraggio di questi uomini che hanno affrontato lo Stato combattendolo dall’interno, e che per questo hanno pagato con la vita.

Attraverso una meticolosa descrizione del contesto sociale dell’epoca, gli storici Settanta-Ottanta, gli studiosi raccoltisi attorno a questo volume mirano a far luce su due fatti di sangue ‘eccellenti’ per troppo tempo lasciati sepolti. Un volume necessario, da utilizzare nelle scuole. Per non dimenticare, perché la situazione attuale è conseguenza di quanto raccolto in queste pagine. Attraverso la violenza si può trasmettere la paura, si può forse intimare all’omertà. Ma il coraggio e le vite (troncate) di questi uomini non saranno mai dimenticate, non finché ci sarà qualcuno pronte a ripercorrerle. Perché “i libri non muoiono mai”. Parola di Luigi Bernardi.

Su Leggere:tutti di giugno-luglio una recensione del romanzo di SALVATORE GIRGENTI, “Il caso Tancredi. Una storia siciliana”, La Zisa



Recensione di Loredana Simonetti (LEGGERE TUTTI N.122,  GIUGNO-LUGLIO 2018, p. 52)

SALVATORE GIRGENTI, “Il caso Tancredi. Una storia siciliana”, Edizioni La Zisa, 2018, pp. 160, euro 14,90

Sicilia, terra di profumi e gelosie, di infedeltà e disonori, di sguardi bassi e ‘nturciunati’, quella terra che “Garibaldi se lo sarebbe sognato di sbarcare a Marsala, se non ci fosse stato l’aiuto della massoneria”, dove “cumannari è megghiu chi futtiri” e il predominio economico e politico sul territorio fa appello al senso di abnegazione di matrimoni d’alleanza. Ne “Il Caso Tancredi” di Salvatore Girgenti, c’è tutto questo e l’assassinio di Massimo Tancredi, sindaco della città di Marsala, sembra coinvolgere l’intera regione, con un flusso inarrestabile di tutte le cose che non funzionano in Sicilia. Il maresciallo Altisi, piemontese di nascita, nelle indagini si scontra con testimoni oculari che non vedono bene, lettere anonime che citano i nomi degli assassini, contrasti geografici a causa delle sue origini “nordiche” e poi amanti rimaste nell’ombra e uomini che pensano solo a salvaguardare il loro onore.
“Le corna sono come i denti di un bambino: quando crescono fanno male, ma poi ci si mangia bene.” La morte di Tancredi tira fuori tutto quello che era sospeso, perché, come dice l’autore, il siciliano ha la memoria più lunga di quella dell’elefante, non dimentica antichi rancori ed è sempre pronto a fartela pagare.

lunedì 9 luglio 2018

Palermo venerdì 13 luglio, Alla Bottega di Libera si presenta il saggio di Francesco Petrotta, “Salvatore Giuliano, uomo d’onore. Nuove ipotesi sulla strage di Portella della Ginestra”, Edizioni La Zisa




Appuntamento venerdì 13 luglio, alle ore 17 e 30, presso la Bottega I Sapori ed i Saperi della Legalità di Libera, a piazza Castelnuovo 13, a Palermo, per la presentazione del saggio di Francesco Petrotta, “Salvatore Giuliano, uomo d’onore. Nuove ipotesi sulla strage di Portella della Ginestra”, pubblicato dalle Edizioni La Zisa.

Insieme all’autore, interverranno: Dino Paternostro, responsabile dipartimento Legalità Cgil Palermo; Ettore De Conciliis, pittore; Aurelio Pes, drammaturgo; Rosario Mangiameli, storico; e Vittorio Teresi, magistrato. Modererà l’incontro il giornalista Rino Giacalone, Libera informazione


In libreria la terza edizione del saggio dello storico Francesco Petrotta, “Salvatore Giuliano, uomo d’onore. Nuove ipotesi sulla strage di Portella della Ginestra”, presentazione di Pino Arlacchi, prefazione di Enzo Campo, Edizioni La Zisa, pp. 180, euro 12,00

Salvatore Giuliano era semplicemente un bandito oppure un eroe che lottava per l’Indipendenza della Sicilia? Era assoldato dai servizi segreti degli Stati Uniti d’America o apparteneva alle formazioni clandestine neofasciste? Aveva stretti rapporti con la mafia o lui stesso era un uomo di Cosa Nostra? E ancora: non tutti ritengono Salvatore Giuliano esecutore della strage di Portella della Ginestra, ma se una parte degli storici asserisce che con essa si tentò di fermare il primo movimento antimafia di massa, un’altra parte sostiene che gettò le condizioni in Italia per un golpe anticomunista. Numerosi gli interrogativi che avvolgono questo fatto storico e che ancora oggi alimenta dibattiti e crea miti popolari. Con sguardo critico questo saggio cerca di far luce sulla questione che, nonostante gli anni, non risulta ancora sopita.

Francesco Petrotta, studioso della strage di Portella della Ginestra e del movimento contadino e socialista a Piana degli Albanesi. Ha pubblicato diversi lavori, tra i quali: Quando Scelba imperava. Inchiesta sull’uccisione di Damiano Lo Greco (Istituto Poligrafico Europeo, 2016); La strage e i depistaggi. Il castello d’ombre su Portella della Ginestra (Ediesse, 2010); La repubblica contadina di Piana degli Albanesi del 1945 (La Zisa, 2006); Politica e mafia a Piana dei Greci da Giolitti a Mussolini (La Zisa, 2001). Ha inoltre curato i volumi: Girolamo Li Causi, Portella della Ginestra. La ricerca della verità (Ediesse, 2007); Mafia e banditismo nella Sicilia del dopoguerra: la sentenza del processo di Viterbo per i fatti di Portella della Ginestra (La Zisa, 2002).


giovedì 5 luglio 2018

Arriva in libreria il toccante romanzo delle scrittrice peruviana Alcira Acosta finalmente in traduzione italiana!





“Pianto nel ventre”, con una nota di Paolo Coelho, Edizioni La Zisa, pp. 88, euro 9,90

“La decisione più coraggiosa che prendiamo ogni giorno è cercare di essere felici, qualunque cosa accada.”

“La visione di scrivere ‘Pianto nel Ventre’ è l’unica ragione per valorizzare la vita e promuovere i valori nella famiglia. Aiutare un’altra donna a scoprire e sfruttare il potenziale che ha, con l’obiettivo di diventare un’eccellente figlia, moglie, madre e amica”. 

Alcira Acosta è nata a Trujillo, in Perù nel 1962. Drammaturga, narratrice, umanista, specialista in comunicazione sociale e coa­ch di vita. Autrice di diverse opere teatrali che ha prodotto e diffuso, viaggiando attra­verso il Sud e Centro America.Vincitrice di numerosi premi e meritevole di grande riconoscimento per la sua intensa attività sociale dedicata alle donne e alle famiglie. Nel 1994 ha viaggiato in Isra­ele, per la premiere della sua opera teatrale Selvaggio domato. Nel 1999 a Panama per la premiere del suo primo lungometraggio Amore che Tra­sforma. La svolta decisiva è arrivata nel 2012, quando ha viaggiato in Italia portando in tour i suoi spettacoli: Il bacio della vita, La mia amica la Meno e molti altri monologhi. Attualmente è residente a Palermo, in Sicilia, è direttore fondatrice dell'Associazione DEBORAH’S. Un pro­getto sociale che aiuta le donne a valorizzare ed esternare la ricchezza interiore. Un progetto iniziato da oltre vent'anni nel paese d'origine.


mercoledì 27 giugno 2018

Un successo davvero inaspettato e piuttosto inconsueto per un volume di poesie scritte in dialetto siciliano.



Arriva in libreria la seconda edizione, rivista e accresciuta, di Maria Costanza, “Semu ricchi e altre poesie (in dialetto siciliano)”, prefazione di Letizia Passarello, Edizioni La Zisa, pp. 80, euro 8,00


Dall’incanto per la fioritura della vita a primavera, al ritratto ironico dei costumi moderni, questa raccolta di poesie celebra la bellezza dell’esistenza nella molteplicità delle sue forme e variazioni. Il divenire delle cose, attraverso l’inesorabile scorrere del tempo, muove la scrittrice al verso, rigorosamente cantato in dialetto siciliano. Immerso in questo scenario sonoro, il lettore potrà assistere all’appassionato racconto di tradizioni e luoghi, di significati e memorie.




Maria Costanza è nata ad Agrigento e per motivi di studio, all’età di diciotto anni, si trasferisce a Palermo, città dove ha svolto l’attività di docente di lettere e dove risiede tuttora. Introdotta dal padre, anche lui poeta, alla ricerca del bello, ha pubblicato presso la Montedit, nella collana Le Schegge d’Oro, la silloge Meditazioni poetiche, arrivando finalista nel concorso letterario “Il giro d’Italia delle poesie in cornice 2005”.

giovedì 21 giugno 2018

“Salvatore Giuliano era mafioso”. L’ultimo mistero negli archivi Usa svelato in un libro pubblicato dalle Edizioni La Zisa




Di SALVO PALAZZOLO (La Repubblica-Palermo, 1 maggio 2018)


Nel libro dello storico Petrotta i documenti dei servizi segreti americani “Mandanti dell’eccidio furono i boss, minacciati dalla lotta per le terre”

«Office of Strategic Services. Report n. J-228/2 gennaio 1944. La mafia si è riorganizzata e ha ripreso a spargere il terrore nella comunità di Montelepre. Fra i suoi membri più pericolosi si segnala Giuliano, un ventitreenne dal carattere forte e determinato, responsabile dell’assassinio del poliziotto Mancini. Firmato: agente Z». Dagli archivi americani emergono nuovi documenti dei servizi segreti che spazzano via, ormai definitivamente, il mito del bandito Salvatore Giuliano. Altro che moderno Robin Hood in lotta per l’indipendenza della Sicilia, Turiddu che ruba ai ricchi per dare ai poveri, già all’inizio della sua ascesa fra le montagne della provincia di Palermo era indicato dall’intelligence statunitense nella lista dei most dangerous leaders” i più temibili delle cosche, assieme a tale «Remigi, ai fratelli Di Maria, a Badalamenti. Ricercati per vari crimini commessi contro la proprietà e le persone — scriveva l’agente Z — i ribelli vivono nei boschi e agiscono con la complicità di almeno venti elementi della città». Dopo la strage di Portella della Ginestra, del primo maggio di 41 anni fa, vennero scritte parole ancora più chiare: l’agente speciale del controspionaggio americano George Zappalà definiva la banda Giuliano «un’organizzazione terroristica mafiosa, accusata di aver commesso numerosi crimini in Sicilia».
Un libro riscrive la storia del bandito di Montelepre. Si intitola: “Salvatore Giuliano, uomo d’onore. Nuove ipotesi sulla strage di Portella della Ginestra” (Edizioni La Zisa). L’autore, Francesco Petrotta, è uno dei maggiori conoscitori della storia del movimento contadino siciliano. Dopo aver recuperato nuovi documenti nei National Archives americani ha riesaminato gli atti dei processi alla banda Giuliano e poi le dichiarazioni di storici collaboratori di giustizia come Tommaso Buscetta. Tanti tasselli che adesso non descrivono più un bandito aiutato dalla mafia, ma un mafioso vero e proprio, che il primo maggio del 1947 non commise errori o ingenuità sparando sui contadini riuniti a Portella per la festa dei lavoratori. «Piuttosto, ritengo che abbia eseguito delle direttive dell’organizzazione criminale di cui faceva parte», dice Francesco Petrotta. E spiega: «Fino ad oggi, gli storici hanno cercato di scoprire i volti dei mandanti di Portella analizzando i rapporti che Giuliano intratteneva con alcuni uomini politici indipendentisti e del centrodestra. Credo invece che la strage doveva servire a salvaguardare il potere di Cosa nostra, messo in discussione nelle campagne dalle occupazioni delle terre da parte del movimento contadino, che all’epoca era il primo movimento di massa contro la mafia. E con quella strage — aggiunge l’autore della ricerca — Giuliano si schierò a tutela degli interessi della casta degli agrari di cui la mafia era parte integrante».
Ma mancano ancora molti tasselli di questa storia. Nonostante la lettera dell’allora presidente del Consiglio Romano Prodi che nel 1988 invitava alla desecretazione di tutti i documenti riguardanti Portella. Spiega ancora Petrotta: «Non sono a disposizione degli studiosi gli atti istruttori che furono fatti dalla procura di Palermo dopo la denuncia dell’onorevole Giuseppe Montalbano sui mandanti dell’eccidio, il 25 ottobre 1951. E risultano ancora secretati gli atti sull’omicidio del bandito Gaspare Pisciotta, ucciso il 9 febbraio 1954 all’Ucciardone».
Due anni prima dell’ultimo caffè — alla stricnina — il braccio destro di Giuliano aveva svelato in un interrogatorio che il bandito di Montelepre era un uomo d’onore, «battezzato — così avrebbe detto — in un convegno di alti dignitari della mafia». Chi erano quegli alti dignitari? Il verbale è ancora un segreto di Stato.