giovedì 17 ottobre 2019

In arrivo in libreria: “Poesia per Dio. Quasi una preghiera”, Edizioni La Zisa, pp. 64, euro 9,90



«Poesia e fede sono stati fin dall’antichità intrecciati in un rapporto inscindibile come, al contempo, la preghiera è stata incanalata spesso nel genere formale della poesia. […] La poesia permea gran parte del rapporto tra Dio e il popolo d’Israele e tra il Signore e la Sua Creazione. […]
Non vi è scrittore accorto atto a usare i versi nel mondo occidentale che non si sia confrontato con i Salmi, ed è proprio a questa ispirazione che molti degli autori di questa raccolta si sono rivolti. […] Sono tutte domande e riflessioni esistenziali che possono trovare lenimento e balsamo solo nella fede e nella certezza della compassione divina. […]
Non è facile poetare su temi religiosi, di culto e di fede. Si rischia sempre di dire cose banali o di essere eccessivamente barocchi e pomposi nel linguaggio come in una sorta di deferenza verso il soggetto trattato. L’unico modo per poter tentare dei versi significanti è agire con il cuore colmo di fiducia e con la penna pronta alla spregiudicatezza dell’amore, degli affetti e delle emozioni che Dio stesso ci ha messo nel cuore.» (dalla Prefazione di Andrea Panerini)


«Perché si scrive una poesia? Cosa si cerca? Cosa si vuole? Cosa si spera di riuscire a ottenere? […] Queste poesie sono figlie del nostro tempo. Un tempo dove si fa fatica a dire Dio e dove dargli un nome a volte può essere difficile o pericoloso […]. Un tempo dove il sentire religioso è continuamente osteggiato e deriso, ma proprio per questo il cuore ha ancora più bisogno di cercarlo e sperimentarlo. […] Il poeta prova a guardare le cose da una visione più alta: l’unica capace di dare ragione e proporre le soluzioni alla vita. […] Guarda le cose riconoscendo la generosità del dono che contengono e che solo un’intelligenza divina può aver forgiato: “generosità del dono” perché quel dono lo si comprende solo intuendo e partecipando all’azione che lo sostiene, quella della generazione. […] Le poesie di questa raccolta hanno per tema Dio, sono “quasi una preghiera”. […]
Chi le ha composte ha vissuto e raccontato un’esperienza e le ha dato voce. Ma queste esperienze, leggendo le poesie, diventano anche le nostre, seppur con diverse sfumature. Anzi, possono rivivere in noi e addirittura possono trovare un’eco nuova, perfi no diversa. Potremmo dire che le poesie vengono quasi espropriate agli autori diventando nostre: parlano a noi e parlano di noi! […] Probabilmente, perfi no agli autori stessi, accadrà di sentire e capire cose nuove, mai pensate, eppure lì depositate. Per sempre. Per tutti.» (dalla Presentazione di Paolo De Carli)

Parte del ricavato della vendita del presente volume sarà destinato ai progetti dell’Associazione INSHUTI Italia-Rwanda onlus



martedì 15 ottobre 2019

Arriva in libreria il saggio di Pietro Piro, “L’uomo nell’ingranaggio”, Edizioni La Zisa, pp. 242, euro 14,90



«La sola realtà che veramente mi ha sempre interessato è la con­dizione dell’uomo nell’ingranaggio del mondo attuale, in qualun­que sua latitudine o meridiano. E naturalmente mi sento, ovun­que, dalla parte dell’uomo e non dell’ingranaggio».
(Ignazio Silone, “La sfinge del benessere”)


Pietro Piro, nato a Termini Imerese nel 1978, è studioso attento alle dinamiche di disumanizzazione radicale del nostro tempo. Ha svolto ricerche in ambito filosofico, politico, pedagogico e sociologico con particolare riferimento alla rappresentazione mediatica della marginalità, ai fenomeni migratori e alle conseguenze della disoccupazione. I suoi ultimi lavori sono: Auschwitz è ancora possibile? Temi e argomenti per un pensare civile, Cultura e Dintorni, Roma 2016; Desiderio di volti. Scritti d’occasione, Unicopli, Milano 2017; Perdere il lavoro smarrire il senso: esperienze educative e altri saggi di sociologia critica, Mimesis, Milano-Udine 2018.


Parte del ricavato della vendita del presente volume sarà destinata dalla casa editrice ai progetti dell’Associazione INSHUTI Italia-Rwanda onlus. www.inshuti.it

In libreria la silloge di poesie di Emilia Maggio, “Trova”, Edizioni La Zisa, pp. 64, euro 9,90




Questo libro raccoglie poesie scritte nell’arco di una trentina d’anni. Ciascuna racconta di un’esperienza: l’incontro con una persona, l’osservazione di animali o di un fenomeno naturale, luoghi di ricordi e mondi paralleli, ma soprattutto le tracce che l’esperienza lascia nella vita interiore. Tracce che formano un percorso alla scoperta della validità dei desideri, per distinguere i desideri a breve termine da quelli a lungo termine – che poi sono quelli che danno maggior soddisfazione perfino quando non sono (ancora) soddisfatti. Sono poesie che vorrei condividere innanzitutto con i miei amici. Penso a Jorge Luis Borges, che evidentemente non cercava la fama quando disse che non scriveva per la critica né per il pubblico, ma solo per sé e per i suoi amici; la comunicazione vera e profonda, che è ciò a cui aspira la poesia, implica, da un lato, un desiderio aperto verso il mistero di sé e delle cose e, dall’altro, un lettore o ascoltatore con la stessa disponibilità.

EMILIA MAGGIO è nata a Palermo nel 1958. Si è laureata in Lingue e letterature straniere presso l’Università di Palermo, nel 1981; nel 1987 ha ottenuto il diploma in Grafica al City of London Polytechnic; nel 1991 ha conseguito il Master in Storia dell’arte all’Università di Londra. Questi tre filoni del curriculum sono alla base del suo lavoro come consulente linguistica, ricercatrice in Storia dell’arte, pittrice e illustratrice, che ha svolto sia in Inghilterra sia in Italia. In seguito al trasferimento a Palermo, nel 2009, ha lavorato prevalentemente come traduttrice dall’italiano all’inglese e come editor di testi accademici in lingua inglese.

venerdì 11 ottobre 2019

A Palermo il corso base di lingua e cultura araba “Salam!”





L’arabo è non solo la lingua di quasi 2 miliardi di musulmani, ma è anche una delle sei lingue ufficiali delle Nazioni Unite ed è parlata da più di 400 milioni di persone. Insomma, la quarta lingua più parlata del mondo. Una lingua sempre più necessaria anche nell’ambito lavorativo.

Per questi motivi le Edizioni La Zisa, insieme all’associazione La Tenda di Abramo – culture e religioni in dialogo, hanno deciso di organizzare un corso base di lingua e cultura araba che avrà luogo a partire da martedì 5 novembre e che avrà la durata di 10 ore (2 ore a settimana per cinque incontri, sempre il martedì). 

Le lezioni saranno tenute da un’insegnante qualificata madrelingua araba e si svolgeranno presso i locali dell’Associazione culturale La Tenda di Abramo, in via Vann'Antò 16, a Palermo.

Il costo è di soli 90 euro. A richiesta, al termine del corso verrà rilasciato un attestato.

Per informazioni e iscrizioni: tel. 091 5509295; cell. 327 9053186 o scrivere a: ass.latendadiabramo@gmail.com


venerdì 4 ottobre 2019

In libreria la nuova silloge di poesie di Francesco Porretto, “Orizzonti”, Edizioni La Zisa, pp. 52, euro 8,00




In questa silloge dal titolo Orizzonti l’autore, Francesco Porretto, riesce ad armonizzare tra loro diverse sensazioni, emozioni e sentimenti, ricorrendo talvolta anche a qualche ossimoro; come avviene ad esempio nella poesia “Rancore”: «è come un corso d’acqua sottoterra: va in libertà e può far danno ma s’è controllato, può dare refrigerio e pace.» Nella poesia “Orizzonti” viene esaltato l’effetto fantasmagorico «come un miraggio nel deserto come una verità tradita come uno schiaffo per amore» che fa contrasto con «la sua bellezza irraggiungibile come l’orizzonte, […] che cavalca e morde aria in infinite ma irraggiungibili metafore». Anche il dolore – il cui più alto esempio descritto dall’autore è quello del Cristo condannato a morte –, è affrontato dal poeta con soave e pacata grazia, ma con altrettanta crudezza e verità. Dunque, nel poeta emergono ardimento, generosità, grazia, armonia e speranza.
I versi sono scorrevoli, comprensibili e allo stesso tempo eleganti, pervasi da un senso di dolce nostalgia e aperti dunque anche alla speranza di un’armonia di continuità ed evoluzione. Leggendoli si ha la sensazione di essere sfiorati da una tiepida brezza primaverile; persino il dolore più straziante trova una ragione di esistere e, se affrontato con coraggio e amore, può trasformarsi in qualcosa di sublime e indispensabile.

FRANCESCO PORRETTO nasce a Palermo nel 1963. Dopo il diploma presso l’Istituto Tecnico Nautico “Gioeni-Trabia” di Palermo svolge molti lavori sia in Italia sia all’estero. Consegue in seguito il titolo di Capitano di lungo corso e dopo una breve carriera di Ufficiale di Marina Mercantile e docente presso l’Istituto Tecnico Nautico, lavora oggi presso Poste Italiane da più di vent’anni.
Ha ottenuto dal libro Da un cuore di padre (Edizioni La Zisa) la S.S. Benedizione del Santo Padre Francesco e una menzione per una canzone dedicata alla squadra calcistica del Palermo dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Ha vinto negli anni Ottanta il premio come migliore artista di compagnia teatrale umoristica nell’evento “Estate Mondelliana” di Palermo. Attualmente concorre come cantautore al torneo internazionale della Sony “Tour Music Fest”.

martedì 2 luglio 2019

Torna in libreria, in sesta ristampa, il più antico ricettario di cucina tradizionale ebraica italiana!




Ines De Benedetti, “Poesia nascosta. Le ricette della cucina tradizionale ebraica italiana”, Edizioni La Zisa, Presentazione di Daniela Fubini, Prefazione alla terza edizione di Nanette R. Hayon, Prefazione alla seconda edizione di Ines De Benedetti, Prefazione alla prima edizione di Lucia Levi, Illustrazioni di Letizia Romano, pp. 288, euro 18,00

Ines De Benedetti, con la sua “Poesia nascosta”, non ha soltanto raccolto e pubblicato delle ricette. Ha messo a disposizione di quattro generazioni di famiglie ebraiche italiane (fino ad oggi) un compendio di kasherut (regole alimentari ebraiche) applicato, vissuto nel quotidiano in modi che nella sua, di generazione, erano evidentemente a rischio di andare perduti. E Lucia Levi nel presentare il libro al lettore di allora ne ha segnalato subito il valore come strumento per riportare i sapori ebraici alla tavola insieme ai rituali e all’osservanza dei precetti. Oggi, a distanza che appare siderale dagli anni del primo dopoguerra, dopo la seconda guerra, la Shoah e il ritorno alla vita, dopo l’arrivo in Italia degli ebrei da tutto il mondo arabo, con tradizioni ebraiche e culinarie tutte nuove, ancora oggi la Poesia nascosta trova spazio nelle nostre cucine. Con i suoi fogli macchiati e unti dall’uso, le annotazioni a margine e le modifiche appuntate su foglietti volanti, è un pezzetto di storia ebraica italiana, rivolto come la sua autrice a un futuro più consapevole e orgoglioso della propria tradizione, anche culinaria. (dalla Presentazione di Daniela Fubini)

Ines De Benedetti, nata il 12 novembre 1874, è scomparsa a Padova nel 1960. Per anni è stata presidente della sezione padovana, da lei fondata nel 1929, dell’ADEI, l’Associazione Donne Ebree d’Italia, diventata in seguito ADEI Wizo, che si occupa di volontariato sociale e di diffondere la cultura e i valori dell’ebraismo e del sionismo, nonché di promuovere la condizione della donna e sostenere le istituzioni Wizo in Israele.

Parte del ricavato della vendita del presente volume sarà destinato ai progetti dell’Associazione INSHUTI Italia-Rwanda onlus



Arriva in libreria: Giovanni Ivano Sapienza, “Viaggio fantastico. Romanzo breve”, Edizioni La Zisa, pp. 74, euro 8,00




Opera surreale, onirica e fantastica dove il Sapienza sveste i panni di serio studioso di filosofi a e si addentra nei territori della fantasia catapultandosi e catapultandoci in uno strano mondo popolato di barbagianni, trilobiti, basilischi, dèmoni cinocefali e altre strane e losche creature.
In linea con la più degna tradizione letteraria, il libro si apre con una curiosa lettera all’editore, firmata da un tal Pierluigi Marpa, il quale confessa di aver ricevuto in consegna il manoscritto diversi anni prima e spiega che l’autore originario risulta disperso a Estremadura o in una non meglio precisata e malsana periferia boliviana in compagnia di una certa maga Dolores Apasionada. Fatte le dovute correzioni e sottoposta l’opera a due autorevoli lettori-cavia (la gatta Azzurrina e il piccolo Cirillo di 6 anni), si è finalmente convinto a tentare di dare una più ampia pubblicazione a quel testo che definisce come un “viaggio mistico e avventuroso dall’al di qua del Reale all’al di là dei misteriosi e indefiniti territori della fantasia conoscitiva e dell’esperienza onirica… un viaggio al quale non so se abbiano contribuito gli stimoli, ferali e feraci, di sostanze psicotrope e allucinogene”.
Un viaggio in un’al di là pauroso e a tratti disgustoso e raccapricciante e dal quale non sarà facile tornare senza aver prima interpretato criptici messaggi e superato inverosimili prove.

Giovanni Ivano Sapienza è nato a Palermo, dove vive attualmente. Ha al suo attivo pubblicazioni filosofiche e letterarie.
Per le Edizioni La Zisa ha di recente pubblicato il saggio L’unione creatrice. Amore e creazione secondo Teilhard de Chardin. Ama la poesia, la bellezza in tutte le sue forme, la musica, il buon cibo e le belle passeggiate.

Parte del ricavato della vendita del presente volume sarà destinato ai progetti dell’Associazione INSHUTI Italia-Rwanda onlus



giovedì 27 giugno 2019

Cinque conversazioni su temi che "scottano"




Cinque conversazioni su temi che scottano” di due ore ciascuna, dalle 18:30 alle 20:30, presso la sede della Casa Editrice “LA ZISA”, in Via Vann’Antò, 16 a Palermo – nei cinque Martedì di Luglio, a partire dal 2.
Spesso si pensa all’Estate come al tempo in cui concedersi spazi di agognato riposo, o procurarsi più occasioni di svago e di divertimento che nella vita “solita”. Volete, invece, cogliere l’opportunità di far ‘sì che la “vostra” Estate vi riservi qualcosa di più profondamente e durevolmente benefico?
Vi proponiamo un ciclo di conversazioni su temi attualmente, in larga misura, “scottanti”, con l’intenzione di provare ad “alleggerirne insieme l’effetto” e nello stesso tempo orientarci al riguardo in modo più ricco, completo ed efficace. Sono ideate come preludio a percorsi mensili in analoghi ambiti tematici, che, anch’essi, verranno attivati presso la sede della Casa Editrice “LA ZISA” a partire dal prossimo Settembre, ma anche vivibili, singolarmente o nel loro insieme, come episodi di costruttiva apertura a un nutriente confronto in cui lasciar accendersi preziose e feconde scintille di nuovi fermenti interiori.
Gli incontri verranno animati e condotti da Pietro Di Gregoli e Iole Cozzo Di Gregoli, entrambi Professional Advanced Counselor AssoCounseling di lunga, variegata e abbondante formazione nei campi in oggetto e di altrettanta esperienza sia nell’accompagnamento di singoli, coppie e famiglie relativamente alla qualità e all’equilibrio armonico nella vita personale e nelle relazioni che nella conduzione di gruppo; nonché coppia coesa da quasi ventott’anni, e genitori da più di ventidue.

INFORMAZIONI IN MERITO AI COSTI
Per chi si iscriva a tutti e cinque gli incontri la cifra richiesta è 100,00 euro (90,00 euro cadauno per coloro che si iscrivono insieme, contemporaneamente, in numero di due).
Per chi non può o non vuole esser presente a tutti gli appuntamenti, i costi saranno differenziati nel seguente modo:
90,00 euro per 4 incontri ;
70,00 euro per 3 incontri;
50,00 euro per 2 incontri;
30,00 euro per un unico incontro;
anche questi costi verranno decurtati del 10% per coloro che si iscriveranno in coppia.


martedì 18 giugno 2019

Arriva in libreria il fantasy del giovanissimo Claudio Accardi, “Come due supernove”, Edizioni La Zisa, pp. 160, euro 11,90




Possono i sentimenti nascere senza che due corpi si sfiorino mai? Alessandro è un “millennial”, un ragazzo palermitano di diciassette anni che frequenta il liceo scientifico e come tutti i ragazzi della sua generazione vive in simbiosi con la tecnologia e con il suo smartphone. Sentire musica, studiare, parlare con gli amici, ordinare un regalo, cercare un’informazione, tutto è a portata di mano, letteralmente. Ed è proprio grazie al cellulare, e in particolare a whatsapp, che conosce Lejla, una ragazza bosniaca che abita a Roma. Amici di amici, gruppi, chat, e la magia accade. Una magia semplice, immediata, come quella che illumina la giovinezza. Le emozioni volano oltre i confini dello spazio e della materia, il “sentirsi” vicino esiste, anche se il “contatto” è solo virtuale.

Claudio Accardi nasce nel 2000 a Palermo. Fin dalla tenera età mostra spiccate capacità creative e letterarie, tanto da vincere un concorso organizzato dal «Giornale di Sicilia» per la pubblicazione del miglior tema inerente la storia della “Frutta Martorana”. Successivamente, prosegue gli studi presso il liceo scientifico “Galileo Galilei”; durante gli anni scolastici il suo interesse verso la scrittura cresce, alimentato costantemente dallo studio. Una volta conseguito il diploma di maturità, si iscrive alla facoltà universitaria d.a.m.s. di Palermo e all’accademia internazionale Shakespeare Theatre Academy.

Parte del ricavato della vendita del presente volume sarà destinata dalla casa editrice ai progetti dell’Associazione INSHUTI Italia-Rwanda onlus.

Palermo 28 giugno, Si presenta “Assaggi” (Ed. La Zisa) di Marco Airoldi



Appuntamento venerdì 28 giugno, alle ore 17,00, presso la nuova sede delle Edizioni La Zisa in via Vann’Antò 16, a Palermo, per incontrare l’autore dello scanzonato romanzo “Assaggi”, Marco Airoldi. A moderare il giornalista Davide Romano. Seguirà un piccolo rinfresco.

Il libro: Cosa può succedere in un “normalissimo” giorno, durante  un “normalissimo” colloquio di lavoro? Come può, un inquilino misterioso, scombussolare la quotidiana, tranquilla curiosità di un’intera palazzina? Chi è lo gnomo che invade le menti di un villaggio? E Carlo, dove vive? Storie brevi ma decise, dai finali sorprendenti, dai personaggi più assurdi. Sono appunto “assaggi” in questo libro, storie scritte nel corso degli anni, dove l’autore vuol mettere in risalto l’aspetto più strano, surreale e grottesco della vita.

Marco Airoldi nasce a Palermo nel 1984. Diplomato come grafico pubblicitario, approfondisce poi la sua passione per il disegno frequentando la scuola di fumetto di Palermo e si dedica ad alcune autoproduzioni di fumetti e libri illustrati.

Marco Airoldi, "Assaggi", Edizioni la Zisa, pp. 80, euro 9,90

Illustrazioni dell'autore

Parte del ricavato della vendita del presente volume sarà destinato ai progetti dell’Associazione INSHUTI Italia-Rwanda onlus

giovedì 13 giugno 2019

Il libreria il saggio di Claudia Lo Blundo Giarletta, “Riesi. Evoluzione di una fattoria su una trazzera sicula”, Edizioni La Zisa, pp. 510, euro 23,90


Questo libro nasce da una domanda di carattere storico: dove nasce Riesi e quando? È diventato un pungolo, per l’autrice, la necessità di affrontare e approfondire la conoscenza sull’evoluzione storica di Riesi (provincia di Caltanissetta), del quale si conosce ben poco. Così ha preso inizio una ricerca: per far conoscere le origini del paese ai giovani e a chi non ha avuto modo di leggere i precedenti testi su Riesi; per non far dimenticare ai riesini le origini del proprio paese, sorto su grotte e pagliai, ed esserne orgogliosi. L’intento è quello di illustrare e spiegare come, in Sicilia, un’antica trazzera sia divenuta l’attuale paese di Riesi. La storia del paese, a partire dalle sue origini , si collega all’evolversi della storia della Sicilia e, a sua volta, dell’Italia. Il testo è preceduto da poesie, corredato da foto, e composto di undici parti in ciascuna delle quali è rappresentato lo sfondo storico italiano e ciò che rispettivamente accadeva in Sicilia e a Riesi, in quel periodo. Esistono pochi libri che parlano della storia di Riesi. La presente pubblicazione si discosta dalle precedenti, per l’originale taglio di suddivisione dei periodi, dal passato sino ai giorni nostri. Lo scopo di questo scritto è quello di presentare ai riesini – anche a quelli sparsi nel mondo –, la loro storia.

Il nome anagrafico è Giuseppina, ma è conosciuta come Claudia, con cui firma i suoi lavori. Nata a Roma da genitori riesini, il 17/03/1942, è cresciuta a Palermo, dove ha frequentato le scuole. Laureata in Servizio Sociale, si è sempre occupata di problematiche familiari e minorili. Attualmente risiede a Montoro (Av), paese di origine del marito, insegnante di Disegno e Storia dell’Arte. Madre di due figli, è anche nonna. Nel paese in cui risiede ha istituito un’associazione femminile cattolica, “Cuore Immacolato di Maria”, che ha seguito per oltre vent’anni. Tra le sue passioni, c’è la scrittura. Negli anni ’90 ha collaborato a due settimanali, “Donna Moderna” e “Tempo Donna”, e per quindici anni, per il mensile locale “Idea”, pubblicando articoli a tema sociale. Molti dei suoi racconti e poesie hanno ricevuto primi premi e menzioni speciali. Ha all’attivo la pubblicazione di nove libri: Lei… incomprensibile o… incompresa, 1995; La Culla vuota, a cura dell’ASL - SA 2, 2001. Ricerca sull’adozione. Primo premio al Concorso Nazionale Atheste, sezione Ricerca. Este (Pd), 2000; Ritorno alle radici, 2004. Romanzo ambientato in Irpinia; Cardinale Raffini Pastore e Padre, 2008, a cura della Società di Servizio Sociale Missionario – Palermo; Un giorno forse ritornerò, 2011. Testo autobiografico che, raccontando Riesi negli anni ’50, ha ricevuto il premio “Orgoglio Riesino 2012”; Michele Pironti da Montoro per l’Italia, 2014; La tredicesima tribù di Israele, 2014; Concerto a quattro mani, 2016; Domani tu mi lascerai, 2019. Altri scritti sono in attesa di un editore.

Parte del ricavato della vendita del presente volume sarà destinato ai progetti dell’Associazione INSHUTI Italia-Rwanda onlus

Palermo 20 giugno, Alla chiesa anglicana un pomeriggio su fede e omosessualità ricordando la figura di Nicolò D’Ippolito




La sera del 14 maggio del 2015 improvvisamente moriva, durante la fiaccolata della veglia per il superamento  della omotransfobia, Nicolò D’Ippolito, ex docente in pensione molto conosciuto in città per il suo impegno nel volontariato e nei diritti umani, in particolare nel campo lgbt. Per ricordare la sua figura e il suo impegno, giovedì 20 giugno, alle ore 17, presso la chiesa anglicana “Holy Cross” di via Mariano Stabile 118b, a Palermo, sarà presentato il suo libro autobiografico, pubblicato dalle Edizioni La Zisa, “In cammino tra fede e omosessualità”, che ha anche la prefazione di don Franco Barbero.

Insieme alla sorella Rita, interverranno: Marco Siino, del gruppo Ali d'aquila - persone cristiane lgbt; don Antonio Zito, dell'arcidiocesi di Palermo; padre Russell Ruffino, vicario della comunità anglicana di Palermo; e Davide Romano, giornalista.

L’iniziativa è organizzata dalle Edizioni La Zisa, dall’associazione culturale La tenda di Abramo – Culture e religioni in dialogo e dalla Chiesa anglicana “Holy cross” di Palermo.

Il libro: Nicolò D’Ippolito, “In cammino tra fede e omosessualità”, prefazione di don Franco Barbero, Edizioni la Zisa, pp. 112, euro 9,90


L’incontro con se stessi è sempre il più difficile perché ovunque si vada c’è un io che insegue, uno zaino che non si può deporre. Finché questo incontro non avviene, finché non accogliamo noi stessi, in nessun luogo e in nessuna persona troviamo una “casa” accogliente. Per Nicola questo viaggio è stato lungo, ma lentamente si è aperto il sentiero della pace con se stesso. Dopo gli anni trascorsi nella “trita umanità” del Rinnovamento, l’incontro con l’analisi e con fra Felice, avvenne la svolta: anche Dio gli apparve come amore. Il confronto rigoroso e continuativo con i passi biblici, che solitamente gli omosessuali si sentono scagliare contro come sassi, fu facilitato dall’ingresso nella chiesa valdese di via dello Spezio di cui l’Autore esplicita luci e ombre. In ogni caso il dilemma tragico “o rinunciare alla sessualità o rinunciare alla fede” si smonta. Tra esperienza omosessuale, accolta e vissuta come dono, ed esperienza cristiana cessa ogni conflitto. (dalla Prefazione di don Franco Barbero)

martedì 11 giugno 2019

Al via la selezione “Poesia è rifare il mondo” delle Edizioni La Zisa dedicata alla figura di padre David Maria Turoldo



“Poesia è rifare il mondo dopo il discorso devastatore del marcadante”.

(David Maria Turoldo)


È aperta la selezione “Poesia è rifare il mondo”, bandita dalle Edizioni La Zisa, sensibile al tema della poesia da più di trent’anni e dedicata alla figura del grande poeta del Novecento padre Davide Maria Turoldo.

Perché lasciarti unico lettore dei tuoi versi? La poesia nasce in solitudine ma matura nella condivisione.

Mettiti alla prova, invia la tua silloge di minimo 30 poesie a: lazisaeditrice@gmail.com (oppure a: Edizioni La Zisa, via Vann’antò 16 – Palermo, Italia, per chi preferisce l’invio cartaceo) entro e non oltre il 30/09/2019.

Indicare nell’oggetto della e-mail (o nell’intestazione della busta cartacea): “Selezione Poesia è rifare il mondo” e allegare un file (doc o pdf) insieme ai propri dati (nome, cognome, numero di telefono, indirizzo postale e una breve nota biografica).

Un comitato di esperti collaboratori attivi nel panorama poetico italiano effettuerà la valutazione e selezione delle opere più meritevoli.

Per informazioni scrivere a: lazisaeditrice@gmail.com; o telefonare a: +39 091 5509295 (dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00)

lunedì 10 giugno 2019

Palermo 22 giugno, Un caffè con… Zina Cipriano alla casa editrice La Zisa



Un sabato mattina diverso per prendere un buon caffè e incontrare Zina Cipriano, autrice del toccante romanzo “Al di là del mare. Il viaggio del piccolo Jonas”, pubblicato dalle Edizioni La Zisa.
L’appuntamento è per le 11 del mattino, presso la nuova sede della casa editrice in via Vann’Antò 16, a Palermo.
Insieme all’autrice interverranno Alessandra Cannizzo, Salvatore Lanno e Davide Romano

Parte del ricavato della vendita del presente volume sarà destinato ai progetti dell’Associazione INSHUTI Italia-Rwanda onlus

In librerie le favolose storie di Maria Concetta Morabito, “Le montagne di cioccolata e altre fiabe”, Illustrazioni di Letizia Romano, Edizioni La Zisa, pp. 96, euro 10,00



– Wow! Ma dove siamo finiti? – esclama Kenny, completamente rapito dal paesaggio.
– Hei, guarda laggiù! Sembrano... ecco, sembrano proprio...
Ma no, sicuramente sto sbagliando. Sarà la fame che inizia a farsi
sentire...
– No, non è affatto la fame, Tommy! Sono proprio montagne di... c-i-o-c-c-o-l-a-t-a!!! Non riesco a credere ai miei occhi!
– Ed io al mio naso!!! Ne sento il profumo da qui!
– Forse abbiamo sbattuto la testa o forse cadendo siamo morti
ed ora siamo in paradiso!
– Non credo proprio, Kenny. Non potrei mai avere questa fame smisurata se fossi morto... Piuttosto, dobbiamo assolutamente raggiungere quelle montagne!
– Hai ragione! Andiamo in quella direzione. Hei, ma guardati intorno: qui la natura è completamente diversa dal resto dell’isola.
Se possibile, è ancora più bella! Chissà se ci abita qualcuno qui; magari ci potrebbe aiutare a ritrovare la strada per tornare alla spiaggia. Ovviamente, però, solo dopo aver assaggiato un bel po’ di montagne...

Maria Concetta Morabito, nata a Reggio Calabria nel 1974, è specializzata in management alberghiero e congressuale e ha lavorato come assistente di direzione in hotel di lusso. Questi sono solo alcuni dei tanti racconti nati quasi per gioco allo scopo di intrattenere i sette nipotini, cercando allo stesso tempo di lasciare loro, nascosto tra le righe di un viaggio di fantasia, anche qualche piccolo insegnamento e motivo di riflessione.


In libreria gli "Assaggi" di Marco Airoldi




Cosa può succedere in un “normalissimo” giorno, durante  un “normalissimo” colloquio di lavoro? Come può, un inquilino misterioso, scombussolare la quotidiana, tranquilla curiosità di un’intera palazzina? Chi è lo gnomo che invade le menti di un villaggio? E Carlo, dove vive? Storie brevi ma decise, dai finali sorprendenti, dai personaggi più assurdi.
Sono appunto “assaggi” in questo libro, storie scritte nel corso degli anni, dove l’autore vuol mettere in risalto l’aspetto più strano, surreale e grottesco della vita.

Marco Airoldi nasce a Palermo nel 1984. Diplomato come grafico pubblicitario, approfondisce poi la sua passione per il disegno frequentando la scuola di fumetto di Palermo e si dedica ad alcune autoproduzioni di fumetti e libri illustrati.

Marco Airoldi, "Assaggi", Edizioni la Zisa, pp. 80, euro 9,90

Illustrazioni dell'autore


Parte del ricavato della vendita del presente volume sarà destinato ai progetti dell’Associazione INSHUTI Italia-Rwanda onlus




mercoledì 5 giugno 2019

La Via della Seta passa da Palermo! Sono aperte le iscrizioni la corso base low cost di lingua e cultura cinese “NIHAO!”




L’apprendimento del cinese mandarino, il pǔtōnghuà, oggi la lingua più parlata al mondo e così diversa dalle lingue latine per fonetica, sintassi e morfologia, rappresenta una stimolante sfida personale, oltre che un’opportunità anche dal punto di vista imprenditoriale e lavorativo.

Il corso di lingua e cultura cinese “Nihao!”, organizzato dalle Edizioni la Zisa e dall’associazione culturale La Tenda di Abramo, sarà tenuto da un’insegnate qualificata, inizierà venerdì  5 luglio, alle ore 18, e sarà articolato in una lezione a settimana (sempre alle ore 18,00 e sempre di venerdì), di due ore ciascuna, per un totale di 8 ore (4 incotri), presso la sede della casa editrice in via Vann’Antò 16, a Palermo.

Il costo complessivo è di soli 70,00 (settanta) euro. A richiesta, al termine del corso, verrà rilasciato un attestato.

Il progetto prevede di affrontare un argomento di cultura cinese per ogni lezione, dedicando due ore ad argomento, mettendo in evidenza i punti di incontro o di divergenza tra la cultura cinese e quella italiana.

Le iscrizioni dovranno essere effettuate entro e non oltre il 30 giugno.

Info: tel. 091 5509295 - cell. 327 9053186 o scrivere a: ass.latendadiabramo@gmail.com

martedì 4 giugno 2019

Palermo 11 giugno, Si presenta “Le battaglie dell’ombra. Racconti” di Diego Messana, Edizioni La Zisa


Nella nuova sede della Edizioni la Zisa, in via Vann’Antò 16, a Palermo, martedì 11 giugno, alle ore 17,00, si presenta il debutto letterario di Diego Messana, “Le battaglie dell’ombra. Racconti”, pubblicato dalla casa editrice palermitana. A colloquiare con l’autore saranno Benedetta Mannino e il giornalista Davide Romano.

Il libro: Diego Messana, “Le battaglie dell’ombra. Racconti”, Edizioni La Zisa, pp. 160, euro 9,90


Una raccolta di racconti. Un viaggio che scava nei rapporti degli esseri umani tra loro e con Dio. Un viaggio che percorre strade fantastiche, epiche e sensuali. Un viaggio, il cui finale è sempre un’inaspettata sorpresa. Il finestrino di un autobus che acquista misteriosamente coscienza e racconta i passeggeri come in una fiaba. Esso osserva i rapporti che si instaurano tra alcune persone la solitudine di altre. Un giovane mercenario, più abile a suonare il flauto di Pan che non a combattere con la spada, inciampa in scontri e amori. La musica del suo flauto potrebbe salvare la barbara natura umana dalle sue intemperanze. Un angelo ribelle, contumace, che affronta l’incomprensione tra gli esseri umani e Dio. Epici scontri tra angeli, demoni e angeli ribelli. Ma di chi è la colpa? Un gruppo di ragazzini si riunisce per giocare un gioco di ruolo. In un’originale ambientazione, gli eroici personaggi del gioco si scontrano con la volontà degli dei. Vivono epiche battaglie, misteri da svelare e la nascita di amicizie e amori.

DIEGO MESSANA è nato in Sicilia, a Catania, nel 1979. In seguito al parto, è affetto da disabilità motoria agli arti inferiori e cammina con l’ausilio di stampelle. Con la famiglia, si trasferisce a due anni in Lombardia dove trascorre una felice infanzia, nel paesino di Vedano Olona. Nel 1994 torna a vivere in Sicilia, a Caltanissetta, con la famiglia. Nel 1995 e nel 1996 si classifica, rispettivamente  terzo e secondo, al “Premio Nazionale di Poesia Sabina Cavaglià, Dire”. Nel 2001 scrive il suo primo racconto Essenza trasparente – la favola del finestrino. Consegue la laurea in Chimica a Palermo nel 2007 e, seguendo la sua passione per la scienza, nel 2011 il Dottorato di Ricerca. Ha lavorato nel campo della ricerca presso il CNR di Cosenza, in seguito ha insegnato in alcune scuole superiori della provincia di Torino. Attualmente lavora come Chimico presso l’ASP di Palermo.

martedì 21 maggio 2019

Palermo, Aperte le iscrizioni per il corso base di lingua tedesca “Sehr gut!”


Ma chi lo ha detto che il tedesco è difficile? Adesso a Palermo lo si può imparare facilmente! Sono aperte le iscrizioni per il corso base di lingua e cultura tedesca “Sehr gut!” organizzato dall’associazione La Tenda di Abramo e dalla casa editrice La Zisa.

Le lezioni, che avranno cadenza settimanale, inizieranno mercoledì 19 giugno, alle ore 18, presso i locali dell’Associazione culturale La Tenda di Abramo, in via Vann’Antò 16, a Palermo.

Il corso, che sarà tenuto da un insegnante madrelingua qualificato, ha un costo complessivo di soli 90 euro (materiale incluso) per 5 incontri di 2 ore ciascuno. A richiesta, al termine del corso verrà rilasciato un attestato.

Di seguito il calendario delle lezioni: 19, 26 giugno e 3, 10, 17 luglio 2019.

Le iscrizioni dovranno pervenire entro e non oltre il 12 giugno 2019

Info: tel. 091 5509295 (dal lun. al ven.: ore 9,00- 13,00) - cell. 327 9053186


lunedì 20 maggio 2019

In libreria il saggio di Zuela Maniscalco, Wu Ming: dalla fake news al romanzo “neostorico” «54», Edizioni La Zisa, pp. 240, euro 16,00



Questo saggio prende in esame i meccanismi comunicativi che stanno alla base del romanzo “collettivo” 54, così come quelli che coincidono con la sperimentazione comunicativa che sta alla base della nascita della Wu Ming Foundation. Con accuratezza l’autrice indaga la questione partendo proprio dalla nascita della Wu Ming Foundation, tornando indietro a ciò che era il Luther Blissett Project, dal quale è nato il romanzo Q. Si parla delle sperimentazioni sociali nate a Bologna in seno al Luther Blissett Project, quando ancora non esisteva alcun progetto letterario. Dopo aver illustrato con rigore tutto ciò che sta alla base di questa idea, l’autrice descrive nello specifico il romanzo 54. Esso è un’opera assolutamente originale per numerosi motivi, gli si può accostare il termine “neostorico” nel panorama letterario italiano e non solo. Ne emerge tuttavia la difficoltà di “chiudere” all’interno di una definizione specifica questo tipo di narrazione, che allo stesso tempo, per sua natura, non vuole essere “catturata”.

Zuela Maniscalco è nata a Palermo nel 1989. Fin da piccola ha vissuto divisa tra lo studio dei differenti mondi letterari possibili ed una realtà al limite del romanzesco. Compie gli studi classici nella città natale. A diciotto anni si trasferisce a Bologna, dove consegue la laurea triennale in “Sociologia della letteratura”. Nella città emiliana vive in prima persona alcune delle reti sociali figlie dei tempi del Luther Blissett Project. Più  tardi, dopo un master in “Progettazione di sistemi multimediali”, ottiene la Laurea Magistrale in “Filologia della letteratura italiana”, presentando questo testo come tesi di laurea.

Parte del ricavato della vendita del presente volume sarà destinata dalla casa editrice ai progetti dell’Associazione INSHUTI Italia-Rwanda onlus.
www.inshuti.it

In libreria il romanzo di Massimo Boscarino, “Le fermate del piacere”, Edizioni La Zisa, pp. 180, euro 13,90




Cresciuto a “pane e Bibbia” in un paesino dell’entroterra siciliano, Elia vive la sua adolescenza tra pecore, montagne e dogmi religiosi. Tutto cambia quando il ragazzo parte per il servizio militare e si trasferisce in una grande città del Nord dove conoscerà per la prima volta i piaceri della vita e si abbandonerà a un’esistenza fatta di vizi ed eccessi tra alcol, attività illecite e lussuria sfrenata. L’incontro con una misteriosa donna lo costringerà a rimettere in discussione la sua vita. Ma chi è davvero Elia? L’uomo dai sani princìpi attaccato alla famiglia, al suo Dio e alla sua terra o un personaggio cinico, bugiardo, opportunista e capace solo di fare i suoi interessi? Tra le righe del romanzo sembra emergere una scomoda e poco rassicurante verità: Elia ci somiglia molto più di quanto non vorremmo. Sornione e imprudente, questo personaggio così moderno e umano ci strizza l’occhio e ci invita a guardare dentro noi stessi per ritrovare nel profondo della nostra anima le stesse contraddizioni che a lungo hanno tenuto in ostaggio la sua vita.

Massimo Boscarino è nato a Comiso nel 1966 e vive a Ragusa, in Sicilia. Scrittore e noto operatore olistico, è autore di due opere (già tradotte in inglese) che lo hanno fatto conoscere al grande pubblico come profondo conoscitore dell’animo umano:  “La mia e la tua guarigione” (Dissensi Edizioni, 2016) e “La fine o l’inizio Esseno” (Edizioni Creativa, 2016). (www.massimoboscarino.com).

Parte del ricavato della vendita del presente volume sarà destinato ai progetti dell’Associazione INSHUTI Italia-Rwanda onlus
www.inshuti.it

giovedì 16 maggio 2019

Sabato 18 e domenica 19 maggio, Doppio appuntamento fra libri e cibo (interetnico e vegetariano)


Fine settimana fra libri e cibo interetnico vegetariano. Primo appuntamento sabato 18 maggio, alle ore 17, presso la chiesa anglicana “Holy Cross” di via Mariano Stabile 118/b, a Palermo, per discutere intorno al libro di Gino Patriarchi, “La riforma anglicana. Storia ed evoluzione della Chiesa d'Inghilterra e della Comunione anglicana”, insieme al giornalista, specializzato in informazione religiosa, Davide Romano;  padre Russell Ruffino, teologo e parroco della comunità del capoluogo siciliano; e padre Giovanni La Rosa, parroco della chiesa di “Sant'Alberto di Trapani”, a Randazzo, in provincia di Catania, che è anche l’unica chiesa anglicana italiana del Paese. Al termine dell’iniziativa, alle ore 19, verrà celebrata la messa in lingua italiana secondo il rito anglicano.


Domenica 19 maggio, alle ore 18, sempre il giornalista Davide Romano, condirettore editoriale delle Edizioni La Zisa, presenterà le riflessioni di Lev Tolstoj sulla scelta di una dieta vegetariana, sintetizzata nel volume “Riflessioni di un vegetariano” curato dallo stesso Romano, presso il circolo “Ikenga” di via Parrocchia dei Tartari n.52, a Palermo, che, per l'occasione proporrà un aperitivo interetnico vegetariano (12€ libro+aperitivo o 7€ solo aperitivo con bevanda inclusa).